ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Vaccini: abolire il diritto alla proprietà intellettuale, l'Europa ci pensa

euronews_icons_loading
Vaccini: abolire il diritto alla proprietà intellettuale, l'Europa ci pensa
Diritti d'autore  Claudio Centonze/ EU/Centonze Claudio
Dimensioni di testo Aa Aa

La Commissione Europea è "pronta a discutere" dell'abolizione della proprietà intellettuale sui vaccini COVID-19, dopo che gli Stati Uniti hanno dichiarato di appoggiare l'idea.

Questa apertura alla riflessione è stata espressa dalla sua presidente, Ursula von de Leyen, durante una conferenza a Firenze sullo Stato dell'Unione: "Siamo pronti a discutere qualsiasi proposta che affronti la crisi in modo efficace e pragmatico. Ecco perché siamo pronti a discutere di come la proposta degli Stati Uniti di una deroga alla protezione della proprietà intellettuale per i vaccini COVID-19 potrebbe aiutare a raggiungere tale obiettivo ".

Solo qualche giorno fa la presidente della Commissione ha detto di non essere "amica del rilascio di brevetti".

E anche il Parlamento europeo è apparso riluttante durante la sessione plenaria della scorsa settimana.

Ma alcuni stanno spingendo per questo. Un totale di 84 eurodeputati di diversi gruppi (eccetto PPE, ECR e ID) hanno inviato una lettera alla Commissione chiedendo la rinuncia al progetto.

Dice Samira Rafaela di Renew Europe, deputata dei Paesi Bassi: "La Commissione europea ha davvero bisogno di far sentire la sua voce dobbiamo essere parte della soluzione e smettere di proteggere i diritti delle industrie che lavorano con i vaccini in questo momento. Dobbiamo tenerne conto anche perché sono i soldi delle tasse che vengono spesi".

La decisione deve essere presa per consenso presso l'Organizzazione mondiale del commercio, dove l'India e il Sud Africa hanno il sostegno di circa 100 paesi. E la posizione dell'UE, che non è stata ancora fissata, sarà cruciale

La lobby dell'industria farmaceutica chiede alla CE di continuare a sostenere l'innovazione attraverso la difesa di un forte quadro di proprietà dei brevetti. Dice Nathalie Moll, Direttore generale dell'EFPIA: "Non è questo quello che serve oggi per aumentare la produzione. In effetti potrebbe essere pericoloso e controproducente. Potremmo diminuire la produzione in primo luogo e nel lungo termine potremmo causare un disinvestimento in soluzioni pandemiche. Quindi questa è l'ultima cosa che vogliamo fare ".

L'industria afferma inoltre che la decisione amministrativa di Biden è "miope e inefficace".

In Europa gli stati membri hanno posizioni diverse. Ma alcuni, come la Francia, sono già favorevoli alla rinuncia. Il governo tedesco ha fatto sapere di non essere d'accordo con la proposta americana.