ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Turismo ancora in difficoltà: l'apertura ai visitatori vaccinati

euronews_icons_loading
Le pene del turismo
Le pene del turismo   -   Diritti d'autore  AP Photo
Dimensioni di testo Aa Aa

Come se fosse un periodo di spalla: la Settimana Santa, in genere considerata l'inizio dell'alta stagione turistica in Spagna, fa i conti con le restrizioni Covid. Durante il fine settimana gruppi ristretti di turisti francesi, tedeschi e olandesi sono atterrati all'aeroporto della Costa de Sol.
In ogni caso, le spiagge sono pronte, bar e ristoranti saranno aperti fino alle 22:30, insieme a musei e monumenti.

Gregorio García, presidente della Federazione degli Alberghi e del Turismo di Granada, non azzarda neppure delle previsioni: "Non c'è Settimana Santa, non ci sono previsioni, perché solo il 12 o 14% degli hotel resta aperto - dice - Sono alberghi familiari e bisogna considerare il fatto che ci sono anche le chiusure perimetrali e provinciali".

La Spagna cancellerà le restrizioni su voli e traghetti dal Regno Unito, così come i passaggi di frontiera terrestri da Gibilterra, a partire dalle 18:00 di martedì. La decisione poggia su un'evidenza: i numeri relativi della campagna di vaccinazione nel Regno Unito e a Gibilterra hanno superato di gran lunga quelli dell'Unione europea. Ma, sull'altro fronte, le regole adottate dal governo britannico per arginare la diffusione della pandemia non consentono gli spostamenti all'estero se non per motivi di comprovata necessità. Più in generale, la Spagna ha esteso le restrizioni sui viaggi non essenziali da Paesi non Ue e non Schengen fino al 30 aprile.

Un'altra popolare destinazione turistica - la Grecia spera di attrarre visitatori e, di salvare la stagione.

Il Paese ha deciso che tutti i vaccini, compreso il russo Sputnik V e il cinese Sinopharm, saranno accettati per l'ingresso dei turisti. Certificato alla mano, i turisti vaccinati passeranno dalla corsia verde al confine: un modo per ridurre anche gli ingorghi alle frontiere.

"Sulla base delle consultazioni e delle decisioni adottate insieme ai nostri esperti di salute, non risulta un aumento del rischio, in nessun caso, per le persone che sono state vaccinate con qualsiasi vaccino - dichiara Harry Theoharis, ministro del turismo greco - Inoltre alcune aziende farmaceutiche hanno già fatto domanda e presto potrebbero ottenere il via libera da parte dell'Agenzia Europea dei Medicinali".

Il settore del turismo cerca, dunque, di accelerare i tempi della ripresa. La crisi sanitaria ha privato Parigi e la sua regione di 15,5 milioni di euro di entrate l'anno scorso: un "calo storico dell'affluenza" dei turisti stranieri, secondo i dati del Comitato regionale del turismo.
In questi giorni i francesi dei dipartimenti di frontiera dell'Ariège e dei Pyrénées-Orientales scelgono l'Andorra. Lo sci e lo snowboard sono solo per i locali, ma i ristoranti sono aperti.