ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Francia: l'effetto lockdown fa schizzare le vendite dei giochi da tavolo

euronews_icons_loading
Una famiglia intorno a un gioco in scatola
Una famiglia intorno a un gioco in scatola   -   Diritti d'autore  via AFP video
Dimensioni di testo Aa Aa

Lo chiamano "effetto lockdown" o "effetto coprifuoco". Già leader del mercato nella produzione e vendita di giochi in scatola, la Francia ha visto un'esplosione nella vendita di giochi da tavolo, carte da gioco, puzzle e scacchi, durante questo periodo di restrizioni, con bar e ristoranti ormai chiusi da mesi e con il coprifuoco imposto in tutto l'esagono dalle 18.

"Sì, abbiamo visto un vero e proprio 'effetto lockdown, effetto coprifuoco', con le famiglie che si riuniscono intorno ai giochi da tavolo, ovviamente intorno ai classici", spiega Karine Meyer-Naudan, responsabile del negozio 'Le Bridgeur'. *Sì, possiamo dire che c'è stato un effetto coprifuoco e confinamento".

I genitori li usano per far passare il tempo ai propri figli. Ma non sono solo i più piccoli a divertirsi intorno al tavolo, come racconta Vincent Petit, agente commerciale di Blackrock Games: "Per i genitori i giochi da tavolo sono diventati una delle principali risorse per occupare i figli. La tendenza è stata confermata all'inizio di quest'anno e i giochi con regole semplici che hanno un po' di strategia permettono alle famiglie di giocare fino a quattro persone, ma sono anche ottimi giochi per sole due persone, perché anche le coppie cercano di tenersi occupate. Vanno molto di moda i giochi per due in questo periodo".

Non sono scampati all'effetto "coprifuoco o lockdown" anche giochi più tradizionali, come gli scacchi, letteralmente andati a ruba, grazie anche alla popolarità della serie Netflix "La regina degli scacchi".