ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Olio greco: un'altra vittima della crisi Covid

Di Eloisa Covelli
euronews_icons_loading
Olio greco: un'altra vittima della crisi Covid
Diritti d'autore  Adel Hana/Copyright 2017 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

La Grecia è a corto di braccianti. I lavoratori stagionali stranieri, usati per la raccolta di olive, quest'anno non sono potuti entrare a causa della chiusura delle frontiere. I produttori si fanno aiutare dalle loro famiglie e dai pochi autoctoni disposti a fare questo lavoro. Quindi la produzione dell'olio è un'altra vittima della crisi scatenata dalla pandemia

Non ci sono braccianti per la raccolta. Non possiamo prendere tutte le olive. Siamo quattro fratelli, stiamo facendo da soli
Panagiotis Outsikas
produttore di olive

Le entrate del settore non supereranno i 650 milioni di euro con un crollo del 20 percento del fatturato dello scorso anno, la cui produzione si è attestata sulle 275mila tonnellate del 2019

Gli altri anni arrivavano un centinaio di stranieri nel nostro paese per raccogliere le olive, quest'anno ne sono arrivati solo 15
Nikos Argyrakis
produttore di olive

La Grecia è il quarto produttore di olio del mondo dietro a Spagna, Italia e Tunisia. Il 60 percento è destinato all'esportazione. Quest'anno è ancora più importante, dato che il consumo interno è crollato a causa della chiusura dei ristoranti.