ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Dall'Austria a Barcellona e Stoccolma: la rinascita dei treni di notte

Access to the comments Commenti
Di Johannes Pleschberger
euronews_icons_loading
Dall'Austria a Barcellona e Stoccolma: la rinascita dei treni di notte
Diritti d'autore  Michael Probst/AP Photo
Dimensioni di testo Aa Aa

Il business dei treni notturni è in forte espansione in Europa: più passeggeri, una rete in ampliamento, ma anche maggiore concorrenza. Sia le ferrovie statali che gli operatori privati ​vogliono convincere i viaggiatori a preferire i vagoni letto ai voli low cost .

Dall'Austria ai confini dell'Europa

Alla stazione centrale di Vienna l'obiettivo sembra a portata di mano. I pareri dei viaggiatori, che sono lieti di sfruttare i tempi morti della notte, sono favorevoli.

I biglietti del treno sono spesso più costosi di quelli delle compagnie aeree a basso costo. Tuttavia: ai tempi di Greta Thunberg, i treni notturni diventano popolari. Le Ferrovie Federali Austriache ÖBB puntano a guidare l'espansione della rete europea con una ventina di tratte.

"Il nostro obiettivo è chiaro: offrire ai passeggeri in Europa un servizio alternativo al volo ed è per questo che adesso stiamo espandendo anche la rete con i partner": spiega il portavoce delle ferrovie austriache ÖBB, Bernhard Rieder.

In collaborazione con altre ferrovie statali, la rete ÖBB includerà presto città come Barcellona, ​arigi e Amsterdam. Tuttavia, a causa della liberalizzazione del mercato degli ultimi anni, adesso spuntano gli operatori privati, con le nuove tratte da Stoccolma a Berlino fino alle Alpi, e dalla Repubblica Ceca all'Ucraina.

L'operatore privato della Repubblica Ceca Regiojet

L'operatore privato Regiojet offre già treni notturni da Praga alla Croazia e la Slovacchia. Ma competere con le Ferrovie dello Stato non è facile. Regiojet vorrebbe quindi vedere pacchetti congiunti di viaggi e sussidi statali per le compagnie ferroviarie sia private che pubbliche.

"Il nostro sogno è quello di poter competere ad un livello equo e aperto con lo stato o con altre società perché non dovrebbe esserci differenza tra un operatore statale e un operatore privato": commenta Alex Ondrůj, portavoce Regiojet.

Regiojet, insieme ad altre ferrovie private, ha inviato una lettera aperta ai politici responsabili: chiedendo una concorrenza leale. Questo, dicono, è l'unico modo per attuare il Green Deal nel trasporto passeggeri europeo".

Gli operatori privati temono di restare in banchina perché Francia, Germania, Svizzera e Austria hanno annunciato un'iniziativa pubblica europea per il rilancio dei treni notturni transfrontalieri.

Quattro tra i maggiori operatori storici, pubblici, del Vecchio continente, la tedesca Deutsche Bahn, la francese Sncf, la società svizzera Cff e l'austriaca Öbb diventano la locomotiva del progetto annunciato che è un'alternativa ai voli low cost delle compagnie aeree. Si comincerà con un Parigi-Vienna a fine 2021 e un Parigi-Berlino due anni dopo.