This content is not available in your region

Regno Unito, la disputa sui pasti scolastici infiamma la politica

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Screengrab
Screengrab   -   Diritti d'autore  from Euronews video

I quattro figli di Kelly sono tra gli oltre un milione in Inghilterra a ricevere pasti gratuiti a scuola.

Questa settimana, mentre vige la pausa di metà semestre, continueranno a mangiare gratuitamente grazie alla generosità di questo caffè locale.

"Mio figlio ha 12 anni, non smette di mangiare - dice la donna - avere un pranzo cucinato adeguatamente per lui è importante, sta crescendo, fa calcio: è imbarazzante dover chiedere a qualcuno di sostenere i tuoi bambini, ma quando non hai altra scelta cosa dovresti fare?".

Il figlio di Kelly ha un calciatore da ringraziare per i suoi pasti questa settimana: una campagna della stella del Manchester United, Marcus Rashford, a Pasqua ha assicurato che i bambini ricevessero pasti gratuiti durante le vacanze scolastiche.

Ora la campagna si è conclusa, ma Rashford non si ferma.

from Euronews video
Screengrabfrom Euronews video

Gli imprenditori in tutto il Paese hanno accolto favorevolmente la sua causa e sono intervenuti per garantire che i bambini continuino a mangiar bene sino al rientro a scuola, lunedì prossimo.

"Non ci si può permettere di dare da mangiare ai bambini per una settimana? - dice il proprietario di un caffè - non avrei mai pensato che questo fosse il caso del Regno Unito nel 2020, si consentirà a bambini piccoli di morire di fame? Non per me".

Giovedì scorso, Boris Johnson ha convinto i suoi Parlamentari a votare contro una mozione del Partito Laburista per estendere il programma dei pasti scolastici gratuiti, innescando una bella risposta.

Alcuni di quei Parlamentari conservatori, che hanno votato come gli è stato detto, hanno assistito alle proteste fuori dai loro uffici: molti hanno consigliato al loro Primo Ministro di cambiare posizione, ma nonostante la lunga lista di reclami Johnson dice che non cambierà direzione.

"Persone come Marcus Rashford stanno lavorando - dice il Premier - lo saluto e so da dove viene: questo è qualcosa su cui dobbiamo concentrarci, la questione dei pasti durante le vacanze scolastiche.

Tuttavia, il modo per affrontarlo è aumentare i fondi disponibili per il credito universale, dovremmo fornirne di più ai consigli locali.

I detrattori del Governo dicono che non c'è modo migliore di evitare la fame che nutrire i bambini: molti credono che la questione sia diventata l'ultima politica calcistica".

"Discutere se assicurarci che i bambini affamati e vulnerabili abbiano abbastanza da mangiare - dice ANNE LONGFIELD, responsabile della Commissione britannica sui diritti dell'infanzia - è qualcosa di sorprendentemente simile ai capitoli di ciò che ci aspetteremmo di trovare in 'Oliver Twist' - un romanzo pubblicato nel XIX secolo - quindi fermiamo le conversazioni che dividono e distraggono e cominciamo a concentrarci.

Penso che ora dobbiamo essere tutti d'accordo, c'è un problema inerente i bambini che patiscono la fame in questo Paese, un problema con i bambini in povertà".

Le prossime vacanze scolastiche sono previste a Natale: il Partito Laburista (all'opposizione) afferma che assicurerà ai Parlamentari un'altra opportunità di voto, prima che la stagione invernale sia alle porte.