EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Regno Unito, la disputa sui pasti scolastici infiamma la politica

Screengrab
Screengrab Diritti d'autore from Euronews video
Diritti d'autore from Euronews video
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Boris Johnson ha convinto i suoi Parlamentari a votare contro una mozione del Partito Laburista per estendere il programma dei pasti scolastici gratuiti

PUBBLICITÀ

I quattro figli di Kelly sono tra gli oltre un milione in Inghilterra a ricevere pasti gratuiti a scuola.

Questa settimana, mentre vige la pausa di metà semestre, continueranno a mangiare gratuitamente grazie alla generosità di questo caffè locale.

"Mio figlio ha 12 anni, non smette di mangiare - dice la donna - avere un pranzo cucinato adeguatamente per lui è importante, sta crescendo, fa calcio: è imbarazzante dover chiedere a qualcuno di sostenere i tuoi bambini, ma quando non hai altra scelta cosa dovresti fare?".

Il figlio di Kelly ha un calciatore da ringraziare per i suoi pasti questa settimana: una campagna della stella del Manchester United, Marcus Rashford, a Pasqua ha assicurato che i bambini ricevessero pasti gratuiti durante le vacanze scolastiche.

Ora la campagna si è conclusa, ma Rashford non si ferma.

from Euronews video
Screengrabfrom Euronews video

Gli imprenditori in tutto il Paese hanno accolto favorevolmente la sua causa e sono intervenuti per garantire che i bambini continuino a mangiar bene sino al rientro a scuola, lunedì prossimo.

"Non ci si può permettere di dare da mangiare ai bambini per una settimana? - dice il proprietario di un caffè - non avrei mai pensato che questo fosse il caso del Regno Unito nel 2020, si consentirà a bambini piccoli di morire di fame? Non per me".

Giovedì scorso, Boris Johnson ha convinto i suoi Parlamentari a votare contro una mozione del Partito Laburista per estendere il programma dei pasti scolastici gratuiti, innescando una bella risposta.

Alcuni di quei Parlamentari conservatori, che hanno votato come gli è stato detto, hanno assistito alle proteste fuori dai loro uffici: molti hanno consigliato al loro Primo Ministro di cambiare posizione, ma nonostante la lunga lista di reclami Johnson dice che non cambierà direzione.

"Persone come Marcus Rashford stanno lavorando - dice il Premier - lo saluto e so da dove viene: questo è qualcosa su cui dobbiamo concentrarci, la questione dei pasti durante le vacanze scolastiche.

Tuttavia, il modo per affrontarlo è aumentare i fondi disponibili per il credito universale, dovremmo fornirne di più ai consigli locali.

I detrattori del Governo dicono che non c'è modo migliore di evitare la fame che nutrire i bambini: molti credono che la questione sia diventata l'ultima politica calcistica".

"Discutere se assicurarci che i bambini affamati e vulnerabili abbiano abbastanza da mangiare - dice ANNE LONGFIELD, responsabile della Commissione britannica sui diritti dell'infanzia - è qualcosa di sorprendentemente simile ai capitoli di ciò che ci aspetteremmo di trovare in 'Oliver Twist' - un romanzo pubblicato nel XIX secolo - quindi fermiamo le conversazioni che dividono e distraggono e cominciamo a concentrarci.

Penso che ora dobbiamo essere tutti d'accordo, c'è un problema inerente i bambini che patiscono la fame in questo Paese, un problema con i bambini in povertà".

Le prossime vacanze scolastiche sono previste a Natale: il Partito Laburista (all'opposizione) afferma che assicurerà ai Parlamentari un'altra opportunità di voto, prima che la stagione invernale sia alle porte.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Si accende il Natale di Londra, nonostante tutto

Regno Unito, i porti temono la Brexit

Wimbledon: Alcaraz batte Djokovic, Kate Middleton consegna il premio