ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Le dinamiche dei vaccini nell'Europa in pandemia

euronews_icons_loading
Le dinamiche dei vaccini nell'Europa in pandemia
Diritti d'autore  Keith Birmingham/ 2020, Pasadena Star-News/SCNG
Dimensioni di testo Aa Aa

In Francia è partita la campagna di vaccinazione contro l'influenza stagionale e in teoria è partita anche in Italia. Fra le categorie di persone che vengono invitate a vaccinarsi tutti, almeno in Francia, ci sono coloro che devono stare a contatto col pubblico, per esempio gli assistenti di volo. Per loro come per gli over 65 anni il vaccino è gratuito e con una attestazione può essere inoculato anche dai farmacisti

L'efficacia?

L'efficienza del vaccino varia da una persona all'altra. La vaccinazione va rinnovata ogni anno per tenere il corpo aggiornato contro i virus. Ogni anno in Francia ci sono fino a 14.500 decessi causati dall'influenza e investono prevalentemente gli anziani con più di 65 anni. Sebbene la vaccinazione sia fortemente raccomandata per questa categoria la copertura grazie al tasso di vaccinazione è regredita negli ultimi anni. Tuttavia la pandemia da coronavirus potrebbe cambiare le cos.

Una clientela diventata ansiosa

« Quest'anno ho l'impressione che i pazienti si sentano molto più ansiosi di farsi vaccinare. Abbiamo avuto richieste all'inizio dell'autunno; in tanti vengono a chiedere se ci saranno scorte sufficienti anche per loro » ammette Xavier Bonnet, farmacista a Lione. Ma intanto osservado i dati sulla copertura vaccinale, sia la Francia che il resto d'Europa sono in ritardo. "L'obiettivo fissato dal Consiglio europeo era vaccinare almeno il 75% delle popolazioni anziane a rischio. Ma siamo lontani dal raggiungerlo - spiega Guillaume Petit di euronews - in Francia, lo scorso anno, solo la metà degli ultra sessantacinquenni sono stati vaccinati. Situazione analoga nel resto d'Europa, col 43% in media per le popolazioni. Mentre il Regno Unito si avvicina al 75%, la Spagna e l'Italia sono appena sopra il 50%. In Polonia, meno del 7% delle persone più anziane è stato vaccinato".

Le complicazioni della pandemia

La recrudescenza del covid-19 sta già travolgendo gli ospedali e potrebbe peggiorare con l'influenza. Nel 2019, l'influenza ha causato più di 8.000 visite di emergenza, di cui 800 ricoveri in Francia. Ma quali sono i motivi della straordinaria importanza che viene data quest'anno alla vaccinazione contro l'ifluenza stagionale? « Innanzitutto la vaccinazione serve per evitare che la gente si ammali. Poi serve ad evitare di dover ricorrere all'assistenza sanitaria sia ambulatoriale che ospedaliera. È un modo per contribuire al buon funzionamento del sistema sanitario » ci spiega la dottoressa Anne-Marie Durand, Dirigente saniatario nazionale presso la ARS Auvergne-Rhône-Alpes. La National Academy of Medicine ritiene inoltre che la vaccinazione antinfluenzale debba essere obbligatoria per tutti gli operatori sanitari. L o scorso anno in Francia, solo un terzo di loro si è fatto vaccinare. Intanto la posta in gioco ancora più importante resta il vaccino contro il covid che viene testato su larga scala in tutto il mondo.

In Italia

Un invito a vaccinarsi contro l'influenza è stato lanciato anche in Italia dal ministro Roberto Speranza. "Dalle Regioni è stato acquistato il 70% in più dei vaccini antinfluenzali e il mio invito è di fare il vaccino" Ha chiarito Speranza negli studi della trasmissione 'Che tempo che fa' su Rai3'. La campagna antinfluenzale sta partendo in anticipo in tutte le regioni secondo quanto dichiarato dal ministro.