EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Acqua nera e specie marine spiaggiate: il disastro ecologico della Kamchatka

Acque tutt'altro che limpide sulla penisola della Kamchatka.
Acque tutt'altro che limpide sulla penisola della Kamchatka. Diritti d'autore Screenshot
Diritti d'autore Screenshot
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Nella regione russa della Kamchatka, la situazione ambientale è sempre più drammatica, conferma Greenpeace. Lo spiaggiamento di centinaia di creature marine è dovuto, si sospetta, alla dispersione di idrocarburi per missili. L'allarme è stato lanciato in ritardo dalle autorità.

PUBBLICITÀ

L'inquinamento marino sulle spiagge della penisola russa della Kamchatka sarebbe all'origine della morte e spiaggiamento di centinaia di creature marine.
Si teme dipenda dalla dispersione di carburante per missili immagazzinato nei campi di prova militari della regione.

Il mare di Bering e il mare di Ochotsk bagnano rispettivamente il litorale orientale e occidentale della penisola della Kamchatka.

Occhi che bruciano, acqua che cambia colore

L'inquinamento è venuto alla luce a fine settembre, dopo che  un gruppo di surfisti hanno riferito di sentirsi bruciare gli occhi, facendo notare che l'acqua aveva cambiato colore e sviluppato un odore strano.

Screenshot
Danni incalcolabili all'ecosistema.Screenshot

"Fuoriuscita di sostanze tossiche"

I funzionari regionali, in seguito, hanno confermato che i surfisti avevano subito addirittura lievi ustioni alle cornee.

Vladimir Solodov, Governatore della regione della Kamchatka:
"Una contaminazione chimica è tra le ipotesi principali dell'inquinamento e sarebbe legata ad un'attività umana, ad una fuoriuscita di alcune sostanze tossiche. Dobbiamo scoprire bene quali".

Screenshot
Il Governatore della Kamchatka durante la sua dichiarazione.Screenshot

"Ritardi nella reazione del governo russo"

I funzionari della regione hanno dichiarato che i test effettuati hanno mostrato livelli di fenolo e prodotti petroliferi superiori ai limiti consentiti.

Yelena Sakirko, capo del dipartimento dell'energia di Greenpeace Russia:
"Potrebbe esserci stato un certo ritardo nella reazione del governo russo, visto che alcune foto scattate a fine settembre indicherebbero dispersioni avvenute già all'inizio del mese".

Screenshot
La responsabile del dipartimento energia di Greenpeace Russia.Screenshot

Le specie marine colpite sono foche, polipi e ricci di mare, che sono stati trovati sulle coste, spiaggiati e senza vita.

Greenpeace parla ormai chiaramente di "disastro ecologico".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Indagini in corso sul disastro ecologico del Perù . E' una strage della fauna marina

Valle dell'Isonzo: il cementificio che inquina più della norma. Ma per le autorità è tutto in regola

Ue, il killer silenzioso si chiama inquinamento e fa oltre 400 mila morti l'anno