ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Vi spieghiamo cos'è l'estrusione, procedimento quasi magico per ottenere oggetti dalle bioplastiche

euronews_icons_loading
Vi spieghiamo cos'è l'estrusione, procedimento quasi magico per ottenere oggetti dalle bioplastiche
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Un processo meccanico chiamato "estrusione" aiuta a trasformare le bioplastiche e gli additivi naturali in un filo che può essere successivamente utilizzato per stampare in 3D parti di automobili, ad esempio. Ecco come funziona.

Spiega Lidia Garcia Quiles, ingegnere industriale: "Quando abbiamo bisogno di creare un nuovo materiale, o di migliorare le proprietà specifiche di una data parte, o quando dobbiamo aggiungere prodotti per creare nuove miscele, ci rivolgiamo a una macchina chiamata" estrusore di plastica ", come quella che vedi su la mia schiena. Mescoliamo tutte le bioplastiche e poi le fondiamo. Quindi aggiungiamo gli additivi, che porteranno colore, fragranze o proprietà antibatteriche. Bioplastiche e additivi vengono miscelati all'interno del mandrino della macchina, che ha una specie di piccole camere in cui tutti i materiali vengono fusi e miscelati. Alla fine si ottiene un filo che viene lavato con acqua per farlo solidificare; diventa rigido e possiamo quindi tagliarlo in piccoli pezzi: il pellet. Una volta che abbiamo questi granulati, arriviamo a una seconda fase del processo: l'avvolgimento. Con questa procedura siamo in grado di creare un altro thread ma con le proprietà specifiche e predeterminate che stiamo cercando; dimensioni, resilienza, tolleranza alla rilegatura, ecc. idonee per il suo successivo utilizzo in una stampa 3D ".