ULTIM'ORA
This content is not available in your region

I colori dell'Antico Egitto vengono alla luce vicino al Cairo

euronews_icons_loading
I colori dell'Antico Egitto vengono alla luce vicino al Cairo
Diritti d'autore  AP Photo
Dimensioni di testo Aa Aa

Con i colori, gli intarsi e i geroglifici originali dell'antico Egitto Sono venuti alla luce circa sessanta sarcofaghi risalenti a 2600 anni fa. La scoperta e il recupero sono avvenuti nella necropoli di Saqqara, a sud del Cairo.

Sono pezzi unici perché ben rappresentano il miracolo della qualità manifatturiera di una civiltà scomparsa di cui si hanno a tutt'oggi scarse conoscenze, anche da un punto di vista tecnico.

Khaled Anany, il ministro egiziano del patrimonio antico e del turismo, ha annunciato il ritrovamento:

"la maggior parte dei sarcofaghi sono ben protetti e mantengono le tinte d'origine. Sono bare di sacerdoti e di alti dignitari appartenenti al Periodo Tardo, circa il 600 AC. Ho partecipato all'apertura di una di esse con il professor Mustafa nella cavità, è come se il processo di mummificazione sia stato completato solo ieri."

Le bare millenarie sono estremamente delicate. Per questo motivo verranno trasferite con tutte le cure al Gem, il Grand Egyptian Museum, nella capitale. È il nuovo museo archeologico, la cui inaugurazione avverrà nel 2021. L'apertura al pubblico era attesa nel 2020, ma la pandemia di covid ha imposto di ritardarne l'inaugurazione di un anno.

Il sito archologico di Saqqara è a sud delle piramidi dell'Altopiano di Giza. Qui, si trova la necropoli di Menphis, l'antica capitale dell'Egitto dei Faraoni. È classificato all'Unesco come patrimonio mondiale dell'umanità.