ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Francia-Italia, ancora nella stretta del maltempo

euronews_icons_loading
Francia-Italia, ancora nella stretta del maltempo
Diritti d'autore  AP/AP
Dimensioni di testo Aa Aa

Si allenta sull'Italia nord-occidentale la pressione del maltempo, ed emergono i danni. In Liguria si contano cinque morti, e in Piemonte, nel cuneese, lo scenario è quello di una catastrofe. A Garessio, il Tanaro è esondato, mandando sottacqua molti quartieri del paese, e numerose località sono rimaste isolate e senza corrente elettrica.

In tempi di pandemia, per molti operatori economici l'alluvione è un colpo da cui sarà difficile riprendersi. "Ho già dovuto ristrutturare il mio negozio quattro volte [a causa di precedenti allagamenti]. Quello che vedi è ciò che è rimasto dell'ultimo. Ho comprato questo bancone solo due anni fa; l'ho pagato 7.000 euro. Lo farò devo buttarlo via. Come puoi vedere, ho perso tutto".

Situazione non molto diversa oltre il confine francese, nel Dipartimento delle Alpi marittime, dove si contano almeno due morti e otto dispersi. La condizione più grave è a Breil-sur-Roya, comune di 2000 abitanti rimasto senza acqua nè corrente e con gli alimenti che cominciano a scarseggiare.

"Abbiamo avuto paura, io ho temuto di morire. Ho pensato, è finita. E se l'albergo non ce la fa sarà finita davvero". "Sono partita con una camicia da notte. Questo è tutto ciò che mi resta. Nemmeno quello che indosso è mio. Non ho più la macchina. Non ci resta niente, come a metà paese".

Mentre le previsioni meteo rimangono negative, associazioni e volontari raccolgono generi di prima necessità destinati alle centinaia di senzatetto. In tutto il dipartimento si è messa in moto la macchina dei soccorsi e della solidarietà, e un minuto di silenzio è stato osservato prima della partita di calcio tra il Nizza e il Nantes.