ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Le risposte dell'Europa alle domande suscitate dal covid

euronews_icons_loading
Le risposte dell'Europa alle domande suscitate dal covid
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo alcuni mesi di ibernazione a causa del blocco del coronavirus, l'economia europea si sta risvegliando e sta accelerando. Ma la ripresa non è così fluida.

Secondo le previsioni estive, l'economia dovrebbe contrarsi dell'8,3% nel 2020 e crescere del 5,8% nel 2021.

Per dare il via alla crescita, l'europa ha dato una duplice risposta: un nuovo piano di investimenti "Nuova Generazione Europa" e un bilancio comunitario rafforzato e a lungo termine.

Come assicurarsi che la ripresa sia sostenibile?

Per raggiungere gli obiettivi climatici ed energetici del 2030. Per includere almeno il 40% di riduzione delle emissioni di gas a effetto serra, saranno necessari ulteriori investimenti

Decarbonizzare l'Europa costa più che mettere il primo uomo sulla luna.

Euronews: Quali dovrebbero essere le priorità per i responsabili politici? Quali riforme sono necessarie? Come verranno implementati i piani di investimento?

Il team di Real Economy era al Forum economico di Bruxelles per approfondire alcune delle maggiori sfide per l'economia comunitaria con il Commissario Paolo Gentiloni e il Presidente del Consiglio europeo Charles Michel.

Sasha Vakulina Euronews chiede: "L'Unione europea ha elaborato a luglio il piano di ripresa, che deve ancora essere attuato. È sufficiente per avviare l'economia e arriverà in tempo?"

Charles Michel: "La decisione che abbiamo preso a luglio è una dimostrazione di forte volontà quando si tratta del piano europeo. Perché abbiamo agito in fretta e abbiamo agito in modo forte. In poche settimane siamo riusciti a convincere tutti i 27 capi di Stato e di governo a mobilitare un importo senza precedenti - 1,8 trilioni di euro - per i prossimi anni per cambiare radicalmente il nostro modello economico e sociale con il clima e l'agenda digitale. Questa sarà la base della nostra strategia per il futuro dell'Europa".

Paolo Gentiloni, commissario UE per l'economia: "Penso che sia una decisione straordinaria. Per la prima volta emettiamo debito comune a sostegno di scopi comuni. Ovviamente non è l'unica risposta perché non siamo uno stato federale. Abbiamo stati membri con le proprie risposte. E se guardiamo al quadro generale vediamo sia la risposta nazionale che quella comune europea. Ora, per la parte comune, dobbiamo coordinare tutti gli Stati membri con le nostre priorità comuni, che sono il Green Deal, l'agenda digitale e la resilienza delle società".

Sasha Vakulina, Euronews: "È cambiato il ruolo dello Stato con il fondo di recupero dell'Unione europea?"

Paolo Gentiloni, commissario UE per l'economia: "Beh, certo, è cambiato. Prima di tuttoper proteggere i lavoratori, le famiglie. Basti pensare a cosa sarebbe successo senza questi interventi pubblici! In ogni caso, c'è un ruolo più ampio. Ma dobbiamo assicurarci che il ruolo più forte dello Stato non sostituisca il settore privato e non interrompa la parità di condizioni nel nostro mercato unico, perché quando dici `` intervento statale '', sai che gli Stati non hanno la stessa forza all'interno della nostra Unione. Quindi dobbiamo bilanciare con le nostre politiche comuni e il rischio di divergenze tra gli Stati membri".

Charles Michel, presidente del Consiglio europeo: "Penso che la crisi del Covid19 abbia dimostrato molto chiaramente che c'era un interesse comune dei 27 paesi europei ad essere più autonomi e indipendenti sul piano strategico. Ed è per questo che il clima e le ambizioni digitali - penso - sono i nostri migliori strumenti, e sono anche molto importanti per ottenere il sostegno dei cittadini europei, in particolare dei giovani europei".

Sasha Vakulina, Euronews: "L'UE punta a zero emissioni entro il 2050?"

Charles Michel, presidente del consiglio europeo: "Sono convinto che ora ci sia più determinazione che mai. Perché negli ultimi mesi c'è stata una maggiore consapevolezza che l'agenda sul clima non è qualcosa di secondario. È qualcosa di vitale. È fondamentale continuare ad andare avanti".- Penso che la pandemia sia stata anche occasione di formazione forzata - se vogliamo - sia per i nostri nuovi strumenti digitali sia per l'importanza dell'ambiente e del clima. Per ora penso che dobbiamo insistere e portare avanti questo programma del Green Deal più forte di prima. Abbiamo bisogno di due cose. Uno è quello di facilitare gli investimenti pubblici e il secondo: dobbiamo coordinare tutti i piani nazionali di ripresa e resilienza rispetto all'obiettivo del green deal.

Sasha Vakulina, Euronews: "Qual è la sua opinione per il 2021? E pensi che l'UE abbia ancora alcune opzioni nella sua cassetta degli attrezzi, se necessarie?

Paolo Gentiloni, commissario europeo per l'economia: "Le opzioni sono spesso create dagli eventi. Per il momento, penso che il nostro obiettivo principale sia cercare di creare fiducia e combattere l'incertezza. Perché non siamo nella seconda ondata della pandemia, ma abbiamo diversi focolai locali. E questo sta creando il rischio di una nuova incertezza. Quindi il rimbalzo della nostra economia è in corso, ma per avere velocità (per guadagnare velocità) dobbiamo avere più fiducia. Quindi il pacchetto europeo è assolutamente cruciale non solo dal punto di vista economico, ma direi anche psicologico. Sì, abbiamo un pacchetto europeo, quindi possiamo essere certi che nessun singolo Stato membro sarà lasciato solo e saremo in grado di riprenderci insieme. Questo è il messaggio forte dall'Europa".

Charles Michel, presidente del consiglio europeo: "Per molti anni abbiamo considerato la crescita del prodotto interno come un criterio di sviluppo. La variazione del PIL rispetto all'anno precedente è stata spesso considerata l'unico criterio. Si sta aprendo un altro dibattito. Se vogliamo che l'Europa sia protettiva e premurosa, se vogliamo che l'Europa sia ambiziosa nel migliorare la vita quotidiana di 450 milioni di cittadini, abbiamo bisogno di criteri diversi. Lavoriamo con gli economisti per trovare il modo per misurare meglio il miglioramento dell'istruzione, il miglioramento dell'accesso all'assistenza sanitaria, l'eliminazione della discriminazione. Abbiamo bisogno di altri criteri perché la forza dell'Europa si basa sull'idea di valori e diritti umani, rispetto a tutti - ed è per questo che il PIL non è sufficiente. Spesso è stato considerato l'unico criterio per dimostrare che le nostre decisioni hanno un risultato positivo".