ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Rolex Perpetual Music Concert, la pazza idea di Sonya Yoncheva

euronews_icons_loading
Rolex Perpetual Music Concert, la pazza idea di Sonya Yoncheva
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Poulenc, Rachmaninoff, Wagner... con un programma coi fiocchi eseguito da una gamma selezionata di musicisti di talento si è aperto il “Rolex Perpetual Music Concert” che si è svolto presso l'Opera di Stato di Berlino.

Con 12 musicisti internazionali scelti dal famoso soprano bulgaro Sonya Yoncheva che ha detto loro: "... Siete liberi. Mi fido totalmente di voi, perché so che questo è il modo migliore per lavorare con gli artisti. Devono sentire che ci fidiamo di loro. E sono usciti tutti questi bei pezzi ."

Avi Avital, mandolinista: “Questa armonia è basata su una canzone popolare bulgara tradizionale chiamata“ Bučimiš ”che ho imparato da un fisarmonicista.La cosa più interessante è il tempo. Nella musica classica occidentale, con cui sono cresciuto, sono due quarti o tre quarti o quattro quarti. "Bučimiš" è quindici sedicesimi. Quindi sono quasi quattro quarti o un po' di meno. Ha a che fare con la danza, i passi e i salti. E quindi mi eccitano sempre questi ritmi, e questo gli dà molto sapore".

Sonya Yoncheva, Soprano: “Quando ho scoperto che voleva eseguirlo, ho detto, wow, mi spezzerai il cuore. Perché, ovviamente, questo è il mio paese d'origine. E ci sono ancora molto legata... "

Dopo mesi di isolamento, i musicisti di questo concerto unico hanno ritrovato il loro pubblico e il loro scopo.

Charles Castronovo, Tenore: “Quando sei con i tuoi figli o con la tua famiglia o con i tuoi cari, sembra che ci sia sempre una colonna sonora dietro, una colonna sonora musicale".

Quindi anche quando non ci pensi consapevolmente, quando quella canzone si accende e riporta quei ricordi, ti rendi conto di quanto sia importante la musica per la nostra psiche, nei momenti di difficoltà, la musica ci ricorda questo tipo di sensazioni positive. "

"Là ci darem la mano" - Sonya Yoncheva ha scelto questa famosa aria di Mozart da "Don Giovanni" per una buona ragione.

Sonya Yoncheva, Soprano: "Stavo pensando all'impossibilità di stare insieme oggi, non toccare le persone, non dare una mano, non baciarle, non abbracciarle.

Di solito questo momento nell'opera è molto provocante. Ma qui vorrei presentarlo mentre decidiamo di stare di nuovo insieme e continuare il nostro viaggio insieme. E per essere sani e stare bene. "

L'intero concerto si può guardare qui.

Journalist name • Andrea Buring