ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Covid: mascherina obbligatoria all'aperto nei luoghi affollati a Parigi da lunedì

euronews_icons_loading
Covid: mascherina obbligatoria all'aperto nei luoghi affollati a Parigi da lunedì
Diritti d'autore  PHILIPPE LOPEZ/AFP or licensors
Dimensioni di testo Aa Aa

Sentimenti contrastanti attraversano i mercati di Parigi questo fine settimana, dopo l'ordinanza del Comune di rendere obbligatorio l'uso della mascherina anche all'aperto nei luoghi affollati a partire già dal prossimo lunedì. L'obbligo sarà esteso anche a quattro dipartimenti attorno alla capitale francese: Seine-Saint-Denis, Hauts-de-Seine, Val-de-Marne e Val-d’Oise. Lo ha reso noto un comunicato delle prefetture interessate nell'ambito delle misure per il contrasto del contagio da coronavirus.

Il provvedimento entrerà in vigore alle otto del mattino di lunedì per tutti coloro a partire dagli undici anni. Si aspetta una lista delle aree della capitale e la sua banlieue interessate dalla misura. Secondo una stima di Le Figaro sono più di 1400 le municipalità francesi che hanno già imposto l'uso della mascherina all'aperto in tutto il territorio o nelle zone più affollate. Tra le altre anche zone di mare e vacanze come la rinomata Saint Tropez.

La decisione da Parigi era stata annunciata all'inizio della settimana dalla sindaca Anne Hidalgo.

Fernand Taïeb, un venditore ambulante di un mercato pariginonon nasconde le difficoltà: "È necessario ma è complicato, mi sento soffocare ed è diffiicle comunicare con i clienti dal momento che anche loro indossano la mascherina. Anche se stiamo a un metro e mezzo di distanza".

Mentre Tomas si dice sollevato: È meglio indossare le mascherine ed è un bene che siano obbligatorie, il che significa che possiamo lavorare piuttosto che essere confinati".

Anche la Spagna resta una sorvegliata speciale e in molti Paesi dell'area Schengen sconsiglano di andarci, chi dovesse è tenuto a rispettare quarantena al ritorno.

Dal 15 agosto, in Italia si riparte in crociera, buona notizia per armatori e lavoratori del settore. Così ha deciso il governo con l'ultimo decreto di agosto. Anche qui resta fondamentale rispettare i gesti barriera.