ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Le notti di protesta nei Balcani: Vučić e Borissov nel mirino di serbi e bulgari

euronews_icons_loading
Le notti di protesta nei Balcani: Vučić e Borissov nel mirino di serbi e bulgari
Diritti d'autore  Folla oceanica con bandiera bulgara, per le strade di Sofia. (AP)
Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo la cancellazione del coprifuoco, inizialmente previsto proprio per questo fine settimana e dopo gli scontri di venerdi, cala d'intensità la protesta popolare a Belgrado e in altre città della Serbia, Novi Sad e Niš.

Per la quinta notte consecutiva ci sono state manifestazioni anti-governative che, stavolta, si sono svolte pacificamente e senza gli incidenti dei giorni scorsi.

Serbia: ancora tutti contro Vučić

Nella capitale, il numero dei dimostranti davanti al Parlamento (poco oltre un migliaio) era decisamente inferiore rispetto ai raduni precedenti. Non si sono visti nemmeno i gruppi di estremisti violenti che durante la settimana scorsa hanno tentato a più riprese di fare irruzione nella sede dell'Assemblea ingaggiando duri scontri con le forze di polizia.

Le proteste di piazza sono cominciate martedì scorso per contestare al presidente Aleksandar Vučić la gestione di "finta normalità" dell'emergenza sanitaria, la politica autoritaria del governo e il suo stretto controllo sui media.

Quinta notte di proteste a Belgrado. (AP Photo)

Il ministro dell'Interno serbo: "Un comportamento irresponsabile"

La polizia era presente davanti al Parlamento, ma non ha in alcun modo interferito nella dimostrazione.

Secondo il ministro dell'Interno Nebojša Stefanović a Belgrado i manifestanti erano circa 1.100, 380 a Novi Sad, 200 a Niš.
Se da un lato ha espresso soddisfazione per l'assenza di scontri e violenze, il ministro ha tuttavia criticato i manifestanti per essersi riuniti nonostante le nuove misure anti-Covid che vietano i raduni con oltre dieci persone al chiuso e all'aperto.

"Un comportamento irresponsabile, in questa fase di forte ripresa dei contagi nel paese, dove le strutture sanitarie sono sotto pressione. La manifestazione inoltre era illegale, non essendo stata annunciata ed essendosi tenuta senza alcuna autorizzazione.
Nebojša Stefanović
Ministro dell'Interno serbo
Nebojša Stefanović. ministro dell'Interno serbo. (Darko Vojinovic/Copyright 2016 The Associated Press. All rights reserved)

Secondo i dati aggiornati, in Serbia ci sono stati finora poco più di 18.000 contagi e 382 vittime.

Bulgaria: i cittadini con il presidente Radev contro il premio Borissov

Protesta oceanica a Sofia, la capitale della Bulgaria.

Migliaia di cittadini bulgari, per la terza notte di fila, hanno manifestato a sostegno del presidente Rumen Radev, attualmente in forte contrasto politico con il premier Boyko Borissov, il vero uomo forte della Bulgaria.

Secondo Radev, il governo deve dare una risposta all'intero popolo per la dilagante corruzione nella gestione del paese".
Per il presidente bulgaro è giunta l'ora di "ripulire il potere conquistato dalla mafia".

Rumen Radev, il giorno dopo della sua elezione a presidente della Bulgaria, nel novembre 2016. (Darko Vojinovic/Copyright 2016 The Associated Press. All rights reserved)

Un movimento trasversale di protesta

Le proteste sono organizzate da un'iniziativa civica per le riforme giudiziarie, chiamata "Giustizia per tutti".
Ma le folle che vi partecipano sono le più diverse: persone di orientamento liberale insieme ai rappresentanti del Partito Socialista di opposizione, che tradizionalmente adottano una linea conservatrice e scettica nei confronti dell'UE e sostengono il presidente Radev.
Il capo di stato bulgaro è in conflitto politico con Borissov e con il procuratore generale Ivan Geshev, considerato come "il braccio violento della legge" di Borissov.

Dopo le proteste di venerdi anche a Plovdid, la seconda città del paese, si è svolta sabato anche una contro-manifestazione organizzata dal partito di centrodestra al potere, GERB, che ha radunato, con l'uso di numerosi autobus, simpatizzanti provenienti dall'intera Bulgaria per esprimere sostegno al governo e al premier Borissov.

➡️ Anche proteste ambientaliste in Bulgaria