Perché colpire Cummings è colpire il governo di BoJo

Perché colpire Cummings è colpire il governo di BoJo
Diritti d'autore Jonathan Brady/AP
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Perché colpire Cummings è colpire il governo di BoJo

PUBBLICITÀ

Tana libera per tutti. È un po' quello che temono le autorità britanniche, dopo la scorazzata di 400 chilometri da Londra a Durham di Dominic Cummings, consigliere speciale del premier, con moglie e figlio; con sintomi simil covid. Ora chi dei sudditi dell'augusto regno si sentirà in dovere di rispettare il confinamento? Se lo chiedono in molti nelle stanze del potere. Soprattutto perché Cummings è l'architetto del confinamento del Regno Unito. E proprio, lui non ha dato il buon esempio.

Cresce la pressione per le sue dimissioni, ma lui si difende; dicendpis vittima di una congiura mediatica:

"Sì, lo ammetto, c'è una rabbia comprensibile. Ma molta di quella rabbia è basata su notizie false pubblicate dai media. C'è molta gente che mi ha gridato in strada perché ti sei recato dai tuoi genitori? Perche' ti andava? Ma io non l'ho fatto".

L'alta amministrazione e l'opinione pubblica britanniche voglioni la sua testa. Soprattutto dopo un tweet critico contro di lui e il premier da parte di un anonimo funzionario publico, divenuto virale domenica sera. E l'autore della pasquinata digitale ha ricevuto il plauso anche dell'autrice della saga di Harry Potter, JK Rawlings.

L'impressione è che dopo la crisi del covid, il Regno Unito sia tornato preda del regolamento di conti tra pro e anti-brexit. Questi ultimi infatti sembrano in realtà mirare al cuore della strategia del governo Johnson sull'uscita di Londra dall'Ue, di cui Cummings è la sostanza.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Regno Unito: resta il consulente di BoJo, via il sottosegretario

I Tories chiedono le dimissioni del super-consigliere, ma Johnson difende Cummings

Regno Unito, bufera su Cummings: un gruppo di conservatori chiede le dimissioni