ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Una biofabbrica per produrre proteine "umanizzate"

euronews_icons_loading
Una biofabbrica per produrre proteine "umanizzate"
Dimensioni di testo Aa Aa

Perché Nicotiana Benthamiana può essere uno strumento così importante per l’industria farmaceutica? In che modo questa pianta diventa una biofabbrica? L’abbiamo chiesto a Giovanni Giuliano, direttore di ricerca all’Enea.

Produzione a basso costo di molecole

"Le piante hanno una grande capacità di produrre biomassa. Il tabacco, come il grano o altre piante che coltiviamo producono svariate tonnellate di prodotto per ettaro. Se misuriamo le proteine prodotte per ettaro, Nicotiana Benthaniama è in grado di produrre circa un chilogrammo per ettaro di una specifica proteina che noi introduciamo al suo interno. Quindi si può usare questa pianta per produrre a basso costo delle molecole d'interesse farmaceutico o per altre applicazioni. Questa noi la chiamiamo 'biofabbrica'".

Proteine molto simili a quelle umane

"Queste proteine sono molto simili a quelle umane, cioè abbiamo delle piante che producono delle proteine umanizzate. E quindi con la combinazione della conoscenza del genoma e le tecniche di editing genico, si sta arrivando all'adozione, da parte di industrie farmaceutiche innovative, di questa pianta per produrre molecole d' interesse farmaceutico".