ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Fondo Monetario Internazionale: "Andrà peggio del previsto"

euronews_icons_loading
Fondo Monetario Internazionale: "Andrà peggio del previsto"
Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Tinte ancora più fosche di quelle preannunciate. La direttrice operativa del Fondo Monetario Internazionale, Kristalina Georgieva, ha definito "molto probabile" un ulteriore taglio delle previsioni di crescita globale a causa della pandemia di coronavirus.

"È molto probabile - ha detto - che a giugno arriveremo a un aggiornamento delle nostre proiezioni": il riferimento è a uno scenario assimilabile alla Grande Depressione degli anni '30, con una riduzione del prodotto interno lordo pari al 3% nel 2020.
In ogni caso, secondo il Fondo, una riapertura anticipata potrebbe mettere a rischio i progressi ottenuti nella lotta a Covid 19 e porterebbe a ulteriori costi umani ed economici.

Per quanto riguarda l'Europa, l'FMI sostiene che l'economia dell'area dell'euro si ridurrà del 7,5% quest'anno e recupererà solo il 4,7% nel 2021.

Euronews

La ripresa dipenderà dall'attenuazione della pandemia nella seconda metà dell'anno e dalla risposta di politica economica messa in campo per frenare la crisi

Nel tentativo di limitare i danni all'economia e di sostenere la ripartenza, la maggior parte dei governi ha adottato misure inedite per sostenere le famiglie, le imprese e i mercati finanziari.

Il costo di tali piani è senza precedenti: la stima complessiva, a livello mondiale, potrebbe superare i 10.000 miliardi di dollari, più grande delle economie di Giappone e Germania insieme.
Il Pil pro capite scenderà quest’anno in 170 Paesi.