EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Germania e Danimarca, il blocco si allenta

Virus Outbreak Germany
Virus Outbreak Germany Diritti d'autore Jens Meyer/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Diritti d'autore Jens Meyer/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Dopo un mese nei due paesi ripartono gradualmente le attività. In Italia rinviate le elezioni amministrative previste per maggio

PUBBLICITÀ

Dopo un mese di blocco totale la Germania ha cominciato da oggi a far ripartire le attività economiche. Per primi riaprono i negozi con superfici fino a 8600 metri quadrati e tornano accessibili librerie, negozi di biciclette, autosaloni e ferramenta. "È una novità decisamente buona. Col senno di poi diremo che è stato utile fermarsi, ma almeno adesso le persone possono uscire un po' di più e ci si riavvicina alla normalità", commenta una abitante di Colonia.

Danimarca, riaprono i parrucchieri

Dopo quattro settimane blocco allentato anche in Danimarca, dove è di nuovo possibile preoccuparsi della pettinatura o andare dal fisioterapista, e in Norvegia, dove si sono contati 7095 contagi e 168 decessi, sono stati riaperti gli asili. Il clima è disteso, e i genitori non si dicono preoccupati. "A casa seguiamo le raccomandazioni delle autorità sanitarie. Quindi se lo decidono vuol dire che sarà relativamente sicuro. Naturalmente non siamo sicuri al 100 per cento, ma sono d'accordo che è ora di farlo. Ed è molto regolamentato come abbiamo potuto vedere all'asilo"

Elezioni rinviate in Italia

Più lenta e graduale che altrove l'avvio della riapertura in Italia, dove una tornata elettorale amministrativa prevista per marzo è stata rinviata a settembre.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Copenhagen: un tuffo al porto nella stramba estate 2020

Un hamburger nel miglior ristorante del mondo per il dopo covid

Covid 19, libertà di movimento o diritto alla salute? I cortei contro il lockdown