Idraulici, dopo stop covid rischio legio

Idraulici, dopo stop covid rischio legio
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BOLZANO, 17 APR - Molti edifici, come scuole e hotel, attualmente sono chiusi a causa dell'emergenza coronavirus. Gli idraulici ora lanciano l'allarme legionella. "Per non dover fare i conti con un problema di legionellosi dopo la pandemia Covid-19, dobbiamo agire adesso", afferma il presidente degli Installatori di impianti termosanitari in Alto Adige, Harald Kraler. Quando l'acqua potabile rimane ferma nelle tubature, il rischio è quello di incorrere velocemente in un problema igienico. "L'acqua stagnante nelle tubature può diventare in breve tempo un pericolo per la salute - spiega Kraler -. In questo modo viene infatti favorita la formazione di germi e legionellosi." Il pericolo della legionellosi può peraltro essere scongiurato in anticipo: tutti i rubinetti, come ad esempio quelli dei lavandini e delle docce, dovrebbero venire aperti per alcuni minuti almeno una volta ogni tre giorni. La temperatura nei tubi dovrebbe essere superiore ai 55 gradi.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Meloni annuncia il rientro di Chico Forti: chi è l'ex velista condannato all'ergastolo negli Usa

Chiusi nuovi valichi tra Lituania e Bielorussia

Finlandia, Alexander Stubb è il 13° presidente: "Nuova era per il Paese"