ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Covid 19, l'agricoltura soffre: mancano i lavoratori, chiudono i mercati

euronews_icons_loading
Covid 19, l'agricoltura soffre: mancano i lavoratori, chiudono i mercati
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Covid-19 spaventa i lavoratori stagionali provenienti dall'estero. Rimangono a casa. Inoltre, molte frontiere sono ancora chiuse. Quali sono le conseguenze per gli agricoltori europei?
Unreported Europe ci porta nelle campagne francesi per scavare a fondo nelle paure dei contadini. L'epidemia di coronavirus scuote abitudini secolari, radicate in tutta la Francia, e i mercati contadini chiudono. Il virus, non ancora sconfitto, interrompe così il libero flusso della manovalanza tra i Paesi europei.

Euronews

Cailloux-sur-Fontaines è un villaggio vicino a Lione. Mickael Bourguignon gestisce la fattoria (120 ettari), di proprietà della sua famiglia da tre generazioni.
Il nonno di Mickael ha iniziato con alcune galline, nel 1981, suo padre è passato alle verdure. L'azienda di famiglia è diventata grande, vendendo prodotti fino a Marsiglia, nel profondo sud. Oggi i camion alimentari arrivano nel piccolo villaggio per trasportare i prodotti verso le grandi piattaforme di distribuzione e distribuirli poi nei supermercati di tutta la Francia.
L'azienda dipende da lavoratori stagionali provenienti dalla Polonia. Quando i Paesi europei hanno chiuso le frontiere per fermare Covid 19 , a Mickael Bourguignon sono improvvisamente mancate le mani.
Per questo la Commissione europea invita gli Stati membri a facilitare il libero flusso dei lavoratori stagionali.
Dice Bourguignon: "In questo momento non siamo stati informati della riapertura delle frontiere, forse questo cambierà tra qualche settimana. Ma la nostra situazione oggi è problematica: soffriamo di una cruciale carenza di forza lavoro e i lavoratori stagionali non possono venire a lavorare con noi".

I lavoratori polacchi sono alloggiati nelle case mobili. Alcuni sono arrivati prima dell'epidemia di Covid-19, ora sono bloccati (in Francia). Mentre altri, ancora in Polonia, non possono venire.
Il governo francese ha chiesto l'aiuto della popolazione locale senza lavoro. 240.000 si sono registrati sulla piattaforma social approntata per l'occasione (nel tweet). Dimitri Angelin, 25 anni, è uno di loro. Di solito cucina in un elegante ristorante di Lione.

Dimitri ha iniziato a cucinare all'età di 16 anni, oggi ha un contratto di lavoro a tempo indeterminato nel sesto arrondissement di Lione. Ama il suo lavoro, quello di creare e innovare con il cibo. Il nuovo progetto francese "chomage-technique" non fa decadere il suo contratto con il ristorante: è un piano di congelamento seguito alla crisi sanitaria, in attesa della riapertura del ristorante.
"Mi sono detto: invece di stare a casa a lasciar passare il tempo, potrei dare qualcosa (come la mia forza lavoro) - spiega Angelin - inoltre, con i soldi che ricevo per il mio lavoro in fattoria, potrei superare la mia indennità di disoccupazione".

Superare il sussidio di disoccupazione per Covid-19 con la remunerazione per il lavoro agricolo è perfettamente legale e uno degli schemi messi in atto per evitare l'interruzione della produzione alimentare. Ma, quando mostra la terra e il lavoro da fare, Michael Bourguignon è ancora preoccupato: "Laggiù c'è il nostro campo di spinaci, dietro il campo di mais, e ancora più lontano abbiamo un appezzamento di terreno per la coltivazione delle cipolle, vicino alle serre e al lotto di terra con la lattuga. Oggi ho un ettaro di lattuga pronto per essere tagliato. Ma se i mercati non cambieranno, è quasi certo che dovrò distruggere il raccolto. Chiedo quindi allo Stato francese di abbassare i nostri oneri o addirittura di cancellarli tutti, almeno in questo periodo - che rimane difficile".

Euronews

Spostiamoci a Saint-Alban-d'Ay nella regione francese dell'Ardèche. Quello che sembra un paradiso, rivela possibili e dolorosi risvolti. Niente a che vedere con le api per lo più gentili dell'apicoltore locale Francis Gruzelle. Il problema è altrove: i mercati contadini sono chiusi.

Covid 19 indebolisce un mestiere già fragile: oggi il numero di apicoltori francesi è sceso a 75.000, la maggior parte dei quali piccoli produttori o part-time. Già 15.000 apicoltori hanno rinunciato, in questi ultimi dieci anni, Gruzelle avverte: la crisi accelererà la tendenza all'abbandono (nel tweet).
"Covid 19 e l'isolamento stanno uccidendo migliaia di apicoltori - dice Francis Gruzelle - sono vittime del miele invenduto e dei mercati contadini chiusi. È una catastrofe. Covid-19 sta finendo gli apicoltori, già schiacciati da insetticidi, pesticidi, colonie di api decimate e costi di produzione a spirale".
Francis Gruzelle ha gestito il suo primo alveare all'età di 13 anni, oggi rappresenta 725 apicoltori della regione Ardèche, Drôme: è il capo dell'associazione regionale degli apicoltori professionisti.
È un apicoltore di piccole/medie dimensioni, che si occupa di 150 alveari con circa 70.000 api ciascuno: Gruzelle è a capo di oltre dieci milioni di api! In una buona annata lui e le sue api producono circa due tonnellate di delizioso miele, nelle annate negative è sceso a 200.000 chili.
Il settore è sull'orlo del collasso, dice.
Gruzelle è intervenuto e ha scritto una lettera al ministro dell'Agricoltura.

Ebbene, cosa si dovrebbe fare secondo lui per salvare gli apicoltori da un crollo totale di Covid 19?

Risponde: "Per salvare gli apicoltori, il governo dovrebbe dimezzare l'IVA, garantire sovvenzioni per lo zucchero agli apicoltori, esonerarli dai contributi di previdenza sociale e lanciare una campagna televisiva per invitare i consumatori a comprare di nuovo il miele dal loro apicoltore locale".

Euronews

Le colline di Irigny sono coperte di alberi da frutto in fiore. Jérémy Béroud gestisce un'azienda agricola a conduzione familiare di 20 ettari.
Quando ha saputo della chiusura totale di tutti i mercati contadini, si è arrabbiato.
Prima di Covid 19, Béroud vendeva ogni settimana i suoi prodotti in otto mercati, nella regione di Lione.
Da un giorno all'altro, ha messo in piedi un sistema di distribuzione completamente diverso, per telefono e tramite i social media: la gente ordina i cestini; eroud e il suo team li preparano.

"La chiusura dei mercati contadini è stata uno shock brutale. Sono sorte molte domande: cosa dobbiamo fare con i nostri prodotti e con tutte quelle verdure, che presto verranno raccolte? - si chiede Béroud - tutto questo lavoro per niente? Ma non c'è stato tempo per abbandonarsi al panico: l'amministrazione è stata reattiva. Ha capito subito che dopo la chiusura dei mercati dei contadini era necessaria una logistica diversa per garanire cibo alla popolazione e che i produttori dovevano svolgere il loro lavoro in questo contesto economicamente difficile".

In tutta Lione, i sindaci e i produttori del distretto hanno creato una rete di "Drive-In" e "punti di distribuzione.
Cosa c'è di diverso rispetto ai mercati contadini? Meno persone che si riuniscono e un controllo rigoroso della distanza sociale.

Corinne Barret è a capo di un'associazione di quartiere nel terzo arrondissement di Lione. Si è data da fare: "I residenti preferiscono acquistare prodotti locali invece di andare al supermercato, tutto qui. Inoltre, questa è un'opportunità per i produttori di lavorare. la frutta e la verdura continuano a crescere, sarebbe un peccato sprecarla e non raccogliere/coltivare, tutto qui".

Di solito la Francia importa circa il 40% della frutta e della verdura. Con Covid-19, il modello è cambiato. La crisi covid sta alimentando un altro dibattito, in Francia e altrove: i consumatori sono pronti a pagare di più per i prodotti locali? I modelli di acquisto potrebbero insomma cambiare, anche dopo l'emergenza.