ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Il Parlamento europeo apre agli ammalati

euronews_icons_loading
Il Parlamento europeo apre agli ammalati
Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Il Parlamento europeo apre le sue porte ai bisognosi con la decisione di mettere le sue strutture al servizio della lotta contro il covid-19. Alcune aree dei due edifici principali, a Strasburgo e a Bruxelles, sono già a disposizione delle autorità locali.

"Abbiamo deciso di rendere disponibile uno dei nostri edifici per i senzatetto - ha annunciato il presidente del Parlamento europeo David Sassoli - e per le persone più vulnerabili, durante questa grave emergenza sanitaria"

Nel caso di Bruxelles, il programma è quello di creare due spazi nell'edificio Helmut Kohl.

Uno per i senzatetto e l'altro per i pazienti che lasciano gli ospedali ma non possono ancora tornare a casa. Per i nuovi ospiti è stato predisposto che le mense lavorino a pieno regime.

"Ogni giorno, – ha spiegato Sassoli - le nostre cucine prepareranno più di 1000 pasti da distribuire ai bisognosi e anche agli operatori sanitari, per aiutarli nel loro lavoro. Siamo vicini a chi soffre e a chi lavora instancabilmente negli ospedali."

Nell'Europarlamento di Strasburgo, le autorità francesi hanno pianificato di installare un centro medico in grado di assistere i pazienti con coronavirus.

Ma non solo.

"Nelle prossime settimane verrà istituito invece un centro di screening spiega Jaume Duch, portavoce del Parlamento europeo - per fare i tamponi. Perché, come noto ormai, l'unica strategia per uscire da questa pandemia consiste principalmente nell'essere in grado di fare test a molte persone e imporre l'isolamento a chi risulta positivo anche se non presenta sintomi."

Da metà marzo gli eurodeputati hanno iniziato il telelavoro e sono persino riusciti a tenere una sessione plenaria con il 90 per cento dei parlamentari che hanno votato per email da casa.

Journalist name • Ana LAZARO