Carenza protezioni, inchiesta a Lanusei

Carenza protezioni, inchiesta a Lanusei
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NUORO, 27 MAR - Una nuova inchiesta è stata aperta in Sardegna sull'emergenza coronavirus legata alla carenza di dispositivi di protezione individuale per il personale sanitario. E' quella della Procura di Lanusei, in Ogliastra: a parte Oristano, dove finora non si è registrato alcun caso positivo tra medici e infermieri, tutte le Procure sarde hanno aperto fascicoli sui filoni di indagine riguardanti i cintagi in corsia. A Lanusei il procuratore Biagio Mazzeo si è mosso dopo un esposto presentato da una operatrice sanitaria dell'ospedale Nostra Signora della Mercede, rappresentante dell'Unione sindacale di base. Nella denuncia si segnalano i pericoli che corrono gli operatori sanitari a causa della mancanza di Dpi, in particolare mascherine, una situazione che costringerebbe medici e infermieri operatori ad usare la stessa protezione per più giorni. Al momento il fascicolo è stato aperto senza indagati e senza formulare alcuna ipotesi di reato.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni europee, l'appello di Metsola: "Andate a votare, o altri decideranno per voi"

Mar Rosso: fregata di Aspides apre il fuoco contro due droni, il comandante "ampliare missione"

Parigi: crollano le pale dell'iconico Moulin Rouge, nessun ferito