EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Berlinale: primi verdetti dal tappeto rosso

Berlinale: primi verdetti dal tappeto rosso
Diritti d'autore Copyright: Euronews
Diritti d'autore Copyright: Euronews
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Tra i favoriti per l'Orso d'Oro si affaccia già l'americano "First Cow": storia di amicizia e business, nel far west del XIX secolo. Tiepida invece l'accoglienza per "Le sel des larmes" di Philippe Garrell

PUBBLICITÀ

Ancora lontano l'orso d'oro, gli occhi sono puntati su quello del Palazzo della Berlinale. Meta di pellegrinaggio per cinefili e curiosi, che si accalcano per rubare un selfie con i protagonisti di "First Cow": opera dell'americana Kelly Reichardt, già tra i favoriti di questa settantesima edizione. "È un film sull'amicizia - dice l'attore Orion Lee -. La storia di due outsider, due persone un po' isolate e introverse. Se in Occidente, il modello vincente è quello del duro e sfacciato, beh... loro sono invece pesci fuor d'acqua, che faticano a trovare una collocazione in questa realtà". La "prima mucca" del titolo è quella a cui i due protagonisti rubano il latte per dare il via al loro commercio di dolci: storia di un business (e di un'amicizia), che capovolgono gli stereotipi sul Far West e parlano del sogno americano. 

Fra i 18 titoli in concorso anche "Le sel des larmes": film in bianco e nero del francese Philippe Garrell, che non ha però troppo entusiasmato critica e pubblico. Tiepida anche l'accoglienza sul tappeto rosso per la coppia di protagonisti, che accompagnava il regista e l'attrice Louise Chevillotte. 

Nella sezione Berlinale Special è stata poi la volta del sudcoreano "Time to Hunt": riflessione cupa e ansiogena su un paese devastato dalla crisi economica, attraverso gli occhi di un galeotto che sogna di rifarsi la vita alle Hawaii. 

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Berlinale, un terzo dei film in concorso è diretto da donne

Berlinale: il documentario Dahomey vince l'Orso d'Oro

La Rapa das bestas, festa tradizionale dei cavalli selvaggi in Galizia