ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Berlinale: primi verdetti dal tappeto rosso

euronews_icons_loading
Berlinale: primi verdetti dal tappeto rosso
Diritti d'autore  Copyright: Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Ancora lontano l'orso d'oro, gli occhi sono puntati su quello del Palazzo della Berlinale. Meta di pellegrinaggio per cinefili e curiosi, che si accalcano per rubare un selfie con i protagonisti di "First Cow": opera dell'americana Kelly Reichardt, già tra i favoriti di questa settantesima edizione. "È un film sull'amicizia - dice l'attore Orion Lee -. La storia di due outsider, due persone un po' isolate e introverse. Se in Occidente, il modello vincente è quello del duro e sfacciato, beh... loro sono invece pesci fuor d'acqua, che faticano a trovare una collocazione in questa realtà". La "prima mucca" del titolo è quella a cui i due protagonisti rubano il latte per dare il via al loro commercio di dolci: storia di un business (e di un'amicizia), che capovolgono gli stereotipi sul Far West e parlano del sogno americano.

Fra i 18 titoli in concorso anche "Le sel des larmes": film in bianco e nero del francese Philippe Garrell, che non ha però troppo entusiasmato critica e pubblico. Tiepida anche l'accoglienza sul tappeto rosso per la coppia di protagonisti, che accompagnava il regista e l'attrice Louise Chevillotte.

Nella sezione Berlinale Special è stata poi la volta del sudcoreano "Time to Hunt": riflessione cupa e ansiogena su un paese devastato dalla crisi economica, attraverso gli occhi di un galeotto che sogna di rifarsi la vita alle Hawaii.