ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Bilancio UE: i timori dei piccoli allevatori

euronews_icons_loading
Bilancio UE: i timori dei piccoli allevatori
Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Si apre una settimana decisiva che si apre per l'Unione Europea. I capi di Stato e di governo si incontrano giovedì per trovare un accordo sul bilancio comune per il periodo 2021-2027. Il presidente del Consiglio europeo ha presentato venerdì scorso la sua proposta.

Charles Michel propone un taglio 14% nella politica agricola comune. Per produttori agricoli è in gioco la sopravvivenza del loro settore.

La politica agricola comune è uno dei pilastri dell'integrazione europea e resta la maggior destinataria del bilancio europeo, poiché rappresenta quasi il 40% della dotazione totale del bilancio. Ma questa quota continua a diminuire. Guillaume Fastré ha rilevato un'azienda nel 2012 vicino a Namur, in Belgio. Senza aiuti europei, teme il proseguimento della sua attività.

"I sussidi europei sono più importanti dei miei proventi. Quindi, se vogliamo fare un calcolo molto semplice: nessun aiuto, nessun provento. In quel caso dovrà cercare un altro lavoro. E la fattoria diventerebbe solo un hobby ".

Il reddito medio degli agricoltori nell'UE è pari al 40% dei salari medi. Ma al di là della questione dei profitti, l'intero modello di produzione potrebbe essere messo in discussione se la politica agricola comune venisse ridotta. La fattoria di famiglia di Guillame non potrebbe sopravvivere senza il sostegno europeo.

"Le fattorie a conduzione familiare rischiano di scomparire senza questi sussidi- afferma Gauillame- . A questo servono gli aiuti: a mantenere l'agricoltura a misura d'uomo e rispettosa dell'ambiente nelle nostre regioni".

Per Guillaume Fastré la diversità del modello agricolo europeo dipende dalla PAC. Anche agricoltori e produttori sono in prima linea per raggiungere gli obiettivi ambientali dell'Unione. Ma per soddisfare questi obblighi sempre più precisi, gli operatori devono investire in nuove attrezzature per soddisfare i nuovi requisiti".

"Possiamo lavorare con vecchie apparecchiature. Forse possiamo prolungarne la durata di un anno, due anni, tre anni, ma a un certo punto non possiamo permettere che tutte le apparecchiature si guastino allo stesso tempo. Ecco perché se vogliamo continuare ad avere fattorie efficienti e continuare a utilizzare i nostri strumenti abbiamo bisogno di questi aiuti ".

Per la famiglia Fastré, allevatori e produttori da generazioni, i negoziati sul bilancio dedicato all'agricoltura e allo sviluppo rurale sono pertanto fondamentali. Ma le loro preoccupazioni trovano eco nell'Unione. Dal 2005 è scomparso un quarto degli impieghi agricoli. La PAC è anche una questione di rinnovamento generazionale. Nel 2013,nell'UE solo il 5% degli agricoltori era di età inferiore ai 35 anni.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.