EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Coronavirus: panico sui mercati cinesi

Coronavirus: panico sui mercati cinesi
Diritti d'autore AP Photo/Richard DrewRICHARD DREW
Diritti d'autore AP Photo/Richard Drew
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Perdite record nel giorno della riapertura. Mai così male dal crac del 2015. La banca centrale sfodera il bazooka dell'iniezione di liquidità

PUBBLICITÀ

Il Coronavirus affonda le borse cinesi e le condanna alle perdite più pronunciate dal crac del 2015. Chiuse dal blocco della città di Wuhan del 24 gennaio, le piazze di Shanghai e Shenzen hanno lasciato sul terreno fra il 7,7 e l'8,4%. E se il contenimento dei danni sulle altre piazze asiatiche allontana al momento lo spettro del contagio, per scongiurare panico e frenata delle transazioni, la banca centrale sfodera intanto l'annunciato bazooka delle iniezioni di liquidità: una prima tranche da 1.200 miliardi di yen, pari a oltre 9 miliardi di euro, per placare la febbre del paziente cinese.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Nei laboratori dello Spallanzani, isolato il coronavirus

La quarantena dei francesi sulla costa mediterranea

35 anni da piazza Tiananmen: il mondo ricorda il massacro del 4 giugno 1989, la Cina no