ULTIM'ORA
This content is not available in your region

State of the Union: ricordare l'Olocausto

State of the Union: ricordare l'Olocausto
Diritti d'autore  AP
Dimensioni di testo Aa Aa

Questa settimana si sono svolte a Gerusalemme le celebrazioni del 75 esimo anniversario della liberazione del campo di concentramento di Auschwitz.

Tuttavia, nonstante la sconfitta del nazismo, l'antisemitismo sta aumentando in Europa e le comunità ebraiche si sentono minacciate.

L'attacco antisemita al cimitero ebraico di Westhoffen, vicino a Strasburgo nel 2019, ha sconvolto la regione dell'Alsazia. Ora le tombe sono pulite, ma gli abitanti locali continuano a cercare delle risposte.

"Mi è stato chiesto di venire a ripulire le tombe", racconta un signore addetto alle pulizie. "Non è normale per noi. Non sappiamo perché hanno vandalizzato le tombe. Sono dei morti, non so perché vengano ad attaccare i morti in quel modo Non lo so, so dirvelo".

La regione alsaziana confina con la Germania ed è stata teatro di molte battaglie franco-tedesche. La comunità ebraica locale ha un ricordo molto vivido dell'Olocausto.

"Sono sposato con una donna il cui padre è sopravvissuto ad Auschwitz, dove aveva il numero 1950B. E la madre invece era stata nel campo di Bergen-Belsen", afferma Maurice Dahan, presidente, del concistoro del Basso Reno.

Le 20mila comunità ebraiche di Strasburgo e dintorni - una regione di circa 277.000 abitanti - affermano che l'antisemitismo è aumentato negli ultimi anni.

"Abbiamo visto le cosa più abbiette, come una svastica su una porta. E poi cose ancora più gravi che si sono verificate qui a Strasburgo, come un gentiluomo che è stato accoltellato da un pazzo che ha gridato Allah Akbar", prosegue Maurice.

I locali pensano che la destra radicale e gli estremisti musulmani condividano la responsabilità del crescente antisemitismo. Tuttavia, la comunità ebraica non pensa di lasciare la regione a causa degli attacchi

"Non abbiamo paura dei loro graffiti. Cancelleremo i loro graffiti, li dimenticheremo e continueremo a vivere a testa alta perché sappiamo qual'è il nostro contributo alla società", afferma risulto Marice.

A 75 anni dalla liberazione del campo di concentramento di Auschwitz gli ebrei di Strasburgo hanno un messaggio per l'Europa: un candelabro a sei braccia raffigurato sul lato della sinagoga.

"Questo è candelabro a sei rami è un simbolo" spiega Maurice. Sei rami in memoria dei sei milioni di ebrei che sono morti durante l'Olocausto. L'Europa non deve dimenticarlo. L'Europa impara deve imparare la lezione e non dimenticarla mai".