ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Sei ore in arresto cardiaco, escursionista si salva in Spagna

euronews_icons_loading
Sei ore in arresto cardiaco, escursionista si salva in Spagna
Dimensioni di testo Aa Aa

Sei ore in arresto cardiaco e poterlo raccontare di persona. Audrey Schoeman, 34enne britannica, è rimasta sorpresa da una tempesta nel mezzo di un'escursione sui Pirenei, in Spagna. Colpita da ipotermia, ha perso i sensi e il suo cuore ha smesso di battere. Quando è arrivata in ospedale a Barcellona, la sua temperatura corporea aveva raggiunto i 18 gradi.

"Credevamo fosse morta"

Quando Audrey ha raggiunto l'ospedale di Barcellona, diverse ore dopo, i segni vitali erano ridotti a zero. "Ero convinto di averla persa", ha raccontato il marito Rohan Mash, che ha assistito al peggioramento delle condizioni della donna fino all'arrivo dei soccorsi, rallentati dal maltempo.

Shoeman ha raccontato la sua esperienza all'ospedale catalano Vall d'Hebron. "E' incredibile che io sia sopravvissuta - ha detto - Sono molto fortunata a essere qui e a poter continuare la mia vita. Sono davvero felice".

Un caso eccezionale

Per i medici il caso è a tutti gli effetti eccezionale. Quello di Audrey Schoeman è il più lungo arresto cardiaco da cui sia stato rianimato un paziente in Spagna. Ma proprio l'ipotermia, spiegano i dottori, ha protetto il corpo e il cervello da ogni danno.

In una corsa contro il tempo, i sanitari hanno utilizzato la circolazione extracorporea (Ecmo), una tecnica che supporta le funzioni vitali aumentando l'ossigenazione del sangue, riducendo i valori ematici di anidride carbonica, incrementando la gittata cardiaca e agendo sulla temperatura corporea.

L'escursionista è stata dimessa 12 giorni dopo, solo con qualche problema di mobilità e di sensibilità alle mani. Ma con un'infinita riconoscenza per i medici che l'hanno salvata.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.