ULTIM'ORA

Il Sakharov 2018, consegnato un anno dopo. Ecco perché

Il Sakharov 2018, consegnato un anno dopo. Ecco perché
Diritti d'autore
REUTERS/VINCENT KESSLER
Dimensioni di testo Aa Aa

Un uomo semplicemente coraggioso

Il coraggio è una qualità dello spirito e non del corpo.

Ci crede fotemente Oleg Sentov, il regista ucraino che questo martedì mattina era a Strasburgo dove ha ritirato il premio Sakharov, conferitogli l'anno scorso dall'euroassemblea. Il premio Sakharov è un riconoscimento del Parlamento europeo, conferito ogni anno a persone che dedicano la propria vita alla lotta pacifica a favore dei diritti umani e alla libertà di pensiero.

Fino a qualche mese fa Oleg Sentsov era rinchiuso in una colonia penale, a 2000 chilometri da Mosca, dove scontava 20 anni di galera per aver tramato un'azione terroristica ai danni della Russia.

Il regista ucraino, che si è battuto contro l'annessione della Crimea alla Russia, era in carcere dal 2015. Per 145 giorni ha fatto uno sciopero della fame per ribadire la sua innocenza e a Strsburgo ha dedicato il riconoscimento ai detenuti politici ucraini.

"Mentre parliamo qui a Strasburgo, al caldo e al sicuro, alcune persone sono ancora in carcere in Russia. Stanno facendo un'esperienza orribile, sono un centinaio i detenuti ucraini in Russia e oltre 200 nelle prigioni dei separatisti del Donbass.
Il premio Sacharov 2018 Oleg Sentsov

Il rilascio del regista è avvenuto a settembre, nel quadro di uno scambio di detenuti tra Russia e Ucraina, in realtà sotto una forte pressione politica secondo diversi analisti.

Sentsov, originario della Crimea, l'anno scorso aveva portato avanti unos ciopero della fame per 145 giorni per chiedere il rilascio di tutti i detenuti politici ucraini in Russia.

Sentsov, che ha 43 anni, era finito nel mirino delle autorità russe perché si era opposto all'annessione della Crimea alla Russia nel 2014.

Chi è Sentsov

Prima della sua incarcerazione si era già affermato nel mondo del cinema. Nel 2011 autoproduce il suo primo film "Gamer", con un budget di appena 20.000 dollari raccolti grazie al suo lavoro presso una sala giochi nella città di Simferopol in Crimea.

Nel 2014 l'annessione della Crimea da parte della Russia cambierà il corso della sua vita. A causa delle critiche verso il Cremlino, viene condannato nel 2015 da un tribunale militare russo, in un processo ritenuto farsa dalla comunità internazionale.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.