EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Meneghin:Schiacciare faceva male a polsi

Meneghin:Schiacciare faceva male a polsi
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 19 NOV - "Non schiacciavo mai, perché faceva male ai polsi". Dino Meneghin apre con una battuta la conferenza stampa che precede il ritiro della propria maglia n.11, nella cerimonia di questa sera nell'intervallo della sfida dell'Eurolega fra Olimpia Milano e Maccabi Tel Aviv. "Avrò questo onore - spiega Meneghin, 12 scudetti e 7 Coppe dei Campioni in bacheca, tra Varese e Milano - riservato finora a pochi ma sarebbero tanti a meritarlo. Qui a Milano andrebbero ritirati tutti i numeri tra il 5 e il 20, perché a Milano ho vinto 5 scudetti ma i vari Rubini, Gamba, Bariviera, Riminucci, ne hanno vinti 20". Meneghin ricorda: "Mi sono sentito parte dell'Olimpia al primo scudetto nel 1982. Un rimpianto? Avrei dovuto dare di più nella finale di Coppa Campioni contro Cantù". Per l'occasione sono presenti al Forum il figlio Andrea, il patron dell'Olimpia Milano, Giorgio Armani, il presidente del Coni, Giovanni Malagò, il n.1 della Fip, Gianni Petrucci, il presidente di Eurolega, Jordi Bertomeu, Dan Peterson e Sandro Gamba.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Proteste in Nuova Caledonia: i motivi delle accuse della Francia all'Azerbaijan

Repubblica Democratica del Congo, il portavoce dell'esercito: "Sventato un tentativo di golpe"

Iran, il presidente Raisi è morto: nessun sopravvissuto a bordo dell'elicottero