EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

ATP Finals, ecatombe di big: battuto anche Nadal (da Zverev)

ATP Finals, ecatombe di big: battuto anche Nadal (da Zverev)
Diritti d'autore  REUTERS/Toby Melville
Diritti d'autore  REUTERS/Toby Melville
Di Cristiano Tassinari
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Dopo Federer contro Thiem, altra sconfitta eccellente al Masters di Londra: Rafa Nadal è stato battuto da Sasha Zverev. Ora tutto è possibile, in entrambi i gironi. A mantenere il pronostico, tra i big, finora è stato solo Djokovic. E oggi c'è Federer-Berrettini...

PUBBLICITÀ

LONDRA (REGNO UNITO) - Non c'è stato scampo nemmeno per Rafa Nadal, nella prima giornata delle ATP Finals, alla 02 Arena di Londra.

Il tennista spagnolo, testa di serie numero 1 del Masters, è stato sconfitto per 6-2 6-4 dal tedesco Sasha Zverev, numero 7 del mondo, campione in carica, vincitore delle Finals nel 2018, quando sconfisse in finale Nole Djokovic.

Action Images via Reuters/Tony O'Brien
La gioia di Sasha Zverev.Action Images via Reuters/Tony O'Brien

Nell'altra partita del gruppo Andrè Agassi, il greco Stefanos Tsitsipas ha battuto 7-5 6-4 il russo Daniil Medvedev.

Con la sconfitta di Nadal, che si aggiunge a quella di domenica di Roger Federer contro Dominic Thiem, si può davvero parlare di ecatombe per i big, giunti forse affaticati a questo prestigioso appuntamento di fine stagione.
Ma la formula a gironi permette sia a Nadal che a Federer di potersi rifare e qualificarsi per le semifinali.

Per Federer, appuntamento martedi pomeriggio contro Matteo Berrettini.
Nello stesso girone denominato "Bjorn Borg", l'unico big a mantenere finora le promesse, Djokovic, se la vedrà con Thiem.

Action Images via Reuters/Tony O'Brien
La delusione di Rafa Nadal.Action Images via Reuters/Tony O'Brien
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

ATP Finals: "remuntada" clamorosa di Nadal su Medvedev

Alcaraz: "La storia è un po' cambiata, ma finché ci saranno Nadal e Djokovic..."

Tennis, Australian Open: il ritorno di Nole Djokovic, un anno dopo