ULTIM'ORA

Truffa a poker con marchingegno, arresti

Truffa a poker con marchingegno, arresti
Scoperta bisca clandestina a Gela, vincite assicurate con 'Pina'
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – GELA (CALTANISSETTA), 11 NOV – Lo chiamavano “Pina”
il marchingegno elettronico inventato per leggere le carte da
poker, truccate da impercettibili codici a barre, in una bisca
clandestina aperta nel centro storico di Gela dove venivano
truffati facoltosi giocatori di “Texas Hold’em”, a rilancio
libero, senza limiti. Sette gli “uomini d’oro” che avevano messo
in piedi questa associazione a delinquere disarticolata dai
carabinieri che hanno proceduto all’arresto di tre di loro,
ritenuti promotori e organizzatori della grande truffa del
valore di centinaia di migliaia di euro. L’operazione denominata
“Showdown” è stata portata a termine nelle province di
Caltanissetta e Agrigento, in esecuzione di provvedimenti
cautelari emessi dal gip del tribunale di Gela, su richiesta
della Procura di Gela.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.
Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.