EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Australia: giornali si autocensurano, battaglia per la libertà di stampa

Australia: giornali si autocensurano, battaglia per la libertà di stampa
Diritti d'autore AAP Image/Lukas Coch/via REUTERS
Diritti d'autore AAP Image/Lukas Coch/via REUTERS
Di Gioia Salvatori
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Questo lunedì prime pagine oscurate dopo le perquisizioni subite da alcuni giornalisti negli ultimi mesi

PUBBLICITÀ

"Attenzione, il governo introduce leggi tese a nascondere cosa accade". Così i sindacati dei giornalisti australiani, impegnati nella campagna "you right to know" per la libertà di stampa e questo lunedì in Australia, i quotidiani sono usciti muti, con le prime pagine oscurate per protesta. 

Tutto iniziò quest'estate quando la polizia ha perquisito dei reporter autori di importanti inchieste applicando leggi nazionali sempre più restrittive. 

Il nuovo capo della polizia Reece Kershaw in audizione al parlamento ha sottolineato che: "L'indipendenza della polizia e la libertà di stampa sono dei pilastri fondamentali che coesistono nella nostra democrazia. Io credo fortemente in entrambi ed è l'approccio che intendo seguire", ma la battaglia non si preannuncia facile.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso: perquisizioni al Suday Telegraph e alla ABC

Al centro delle indagini di polizia **giornalisti di ABC e del Sunday Telegraph. **A giugno la polizia ha fatto irruzione nella sede dell’emittente radiotelevisiva pubblica ABC, a Sydney. La perquisizione ha interessato due giornalisti e il direttore del settore news, nell’ambito di un’indagine su un’inchiesta pubblicata due anni prima su uccisioni sospette e altri episodi di cattiva condotta delle forze speciali australiane in Afghanistan. Questi colleghi rischiano la prigione come pure la **giornalista del Sunday Telegraph, perquisita anche lei, **che ha firmato articoli su un piano segreto del governo per controllare conti, messaggi e mail dei cittadini a loro insaputa, senza il loro consenso.

All'origine di tutto una legislazione per la sicurezza nazionale sempre più restrittiva che include anche la stampa nei meccanismi di stretto controllo. 

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

I giudici australiani dicono no alla nuova ambasciata russa

Giornata mondiale della libertà di stampa, Reporter senza frontiere: giornalisti sotto pressione

Un anno di carcere russo per il giornalista Usa, Evan Gershkovich