Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

"Dobbiamo ancora scoprire il Mare Artico!"

"Dobbiamo ancora scoprire il Mare Artico!"
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Un accordo internazionale firmato nel 2018 ha vietato preventivamente la pesca commerciale nel Mare Artico centrale, molto prima che qualsiasi attività di pesca possa realisticamente iniziare. Perché questo divieto era necessario, e come possono i biologi marini approfittare delle spedizioni polari per saperne di più sulle future prospettive di pesca in alto mare nell'Artico?

La dottoressa Pauline Snoeijs Leijonmalm, docente di ecologia marina all'Università di Stoccolma, ha parlato con Euronews poco prima di lasciare Tromsø, in Norvegia, a bordo del rompighiaccio Polarstern per la spedizione MOSAiC al Polo Nord.

"La pesca è vietata perchè non sappiamo ancora nulla dell'ecosistema"

"In questo momento dobbiamo vietare la pesca perché non sappiamo nulla dell'ecosistema, e non sappiamo nulla di quale pesce abbiamo! È un ecosistema molto povero di nutrienti, quindi mi aspetto pochissimi pesci. E poi, se si inizia a pescare, si può distruggere l'ecosistema, o l'equilibrio degli organismi".

La Spedizione MOSAiC è partita a settembre 2019.

"Dobbiamo proteggere questo mare poco conosciuto"

"Stiamo parlando di un'area che si trova al di fuori della zona economica esclusiva dei paesi costieri. Così, in linea di principio, chiunque può andare a pescare lì, quando il ghiaccio si scioglie. Ecco perché abbiamo bisogno di sapere ora cosa c'è in questo mare che, forse, può essere sfruttato da chiunque. E, naturalmente, abbiamo bisogno di protezione per quest'area. Per fare questo, dobbiamo costruire un modo per proteggere quest'area, raccogliendo dati di base".

"Stiamo facendo la mappatura"

"Siamo all'inizio di tutto. Quello che stiamo facendo ora è la mappatura, e questa è la prima spedizione che sta per essere mappata. E il grande vantaggio di collegarsi a una spedizione così grande è che otteniamo tutti i dati ambientali dal programma della nave: quindi non abbiamo bisogno di misurare noi stessi la clorofilla, o i nutrienti, o nemmeno lo zooplancton. Dobbiamo solo guardare il pesce, e gli altri dati che possiamo usare, e poi collegare i dati. Questo è il grande vantaggio di queste spedizioni".

Il rompighiaccio "Stella Polare" in mezzo all'Artico.