EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

La Svezia ha rimosso cinque nipotini dalla famiglia reale

Il principe Carlo Filippo, la principessa Sofia, il principino Alexander e il fratello Gabriel
Il principe Carlo Filippo, la principessa Sofia, il principino Alexander e il fratello Gabriel Diritti d'autore Foto ufficiale per la stampa della famiglia reale svedese. Foto: Anna-Lena Ahlström, Kungahuset.se / Royal Court, SwedenFoto: Anna-Lena Ahlström Kungahu
Diritti d'autore Foto ufficiale per la stampa della famiglia reale svedese. Foto: Anna-Lena Ahlström, Kungahuset.se / Royal Court, Sweden
Di AP
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

I bambini, tutti nati dopo il 2014, potranno conservare i titoli di duca e duchessa ma non avranno più incombenze dovute al ruolo.

PUBBLICITÀ

La casa reale svedese ha comunicato che cinque nipoti del re di Svezia, Carlo XVI Gustavo, non avranno più ruoli ufficiali né faranno più parte della famiglia reale. Il Palazzo ha reso noto che la decisione riguarda i nipoti del monarca, ovvero i figli del Principe Carlo Filippo e quelli della Principessa Madeleine. 

Fredrik Wersall, il massimo funzionario della corte reale, ha fatto sapere lunedì che i bambini manterranno i titoli di duca e duchessa concessi loro dal re. 

La principessa ereditaria Vittoria, figlia maggiore del re (classe '77) ed erede al trono insieme al marito - il principe Daniele - così come i loro due figli, non sono coinvolti da questi cambiamenti; toccheranno invece i cuginetti Alexander, Gabriel, Leonore, Adrienne e Nicolas, tutti nati tra il 2014 e il 2018, che non potranno più essere chiamati "sua altezza reale".

La famiglia reale è molto popolare in Svezia. La monarchia gode di un ampio sostegno nonostante l'egualitarismo che caratterizza la società del paese nordico. 

Qui trovate l'albero genealogico completo della dinastia Bernadotte.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Svezia: il paese più sicuro al mondo nella morsa delle gang

Svezia, sparatoria nei pressi dell'ambasciata di Israele: diversi arresti

Il dilemma dell'Ue: dalla dipendenza dai combustibili fossili a quella dai metalli