EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

António Costa: l'uomo che ha fatto fruttare i sacrifici dell'austerity portoghese

 António Costa: l'uomo che ha fatto fruttare i sacrifici dell'austerity portoghese
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Crescita economica, riduzione record del deficit pubblico, dimezzamento della disoccupazione. Come il Portogallo di António Costa è riuscito a risollevarsi dagli anni della crisi finanziaria

PUBBLICITÀ

Diversi incarichi da ministro, da eurodeputato, da vicepresidente del Parlamento europeo; poi sindaco di Lisbona per otto anni e infine primo ministro del Portogallo. Nonostante non abbia vinto le ultime elezioni, nel novembre del 2015 António Costa è riuscito ad ottenere l'incarico per formare un governo di minoranza a guida socialista, con il sostegno della sinistra radicale, dei comunisti e dei verdi.

Il Portogallo stava uscendo da un periodo da "sorvegliato speciale". Dopo la crisi finanziaria globale, nel 2012 aveva dovuto ricorrere a un piano di salvataggio da 78 miliardi di euro finanziato dalla Troika e a una serie di impopolari misure "lacrime e sangue" condotte dal governo di centrodestra di Passos Coelho.

Al presidente Aníbal Cavaco Silva, Costa promise di continuare il lavoro svolto dal precedente esecutivo per il risanamento dei conti pubblici, e di non mettere in discussione l'appartenenza del Portogallo all'Unione europea, all'eurozona e alla Nato.

Con i suoi alleati di sinistra si impegnò a voltare la pagina dell'austerità. Ci è riuscito. Il Portogallo ha conosciuto livelli di crescita da record, arrivando al 2,4% nel 2018.

Il Paese, il cui deficit aveva toccato l'11,4% del PIL nel 2010, quest'anno è previsto allo 0,2%. Se nel 2013 aveva un tasso di disoccupazione pari al 16,2%, nel 2018 è arrivato al 7%. Molti i posti di lavoro legati al settore turistico, che ha beneficiato dell'abbattimento dell'IVA per alberghi e ristoranti dal 23% al 13%.

A Bruxelles, una mano nel recupero della credibilità del Paese, l'ha data anche il ministro delle Finanze Mário Centeno, divenuto presidente dell'Eurogruppo nel gennaio 2018.

I sacrifici del passato hanno consentito a Costa riforme che hanno dato ossigeno ai portoghesi, come l'abbassamento dell'età pensionabile e l'aumento del salario minimo. L'attrazione di investimenti esteri e gli sgravi fiscali agli stranieri, attivati dal governo di centrodestra dieci anni fa, hanno dato un ulteriore impulso a consumi ed economia.

Non mancano tuttavia le zone d'ombra. In primis lo stop agli investimenti pubblici da parte del governo Costa, frenato dal terzo debito pubblico d'Europa.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Presidenza UE: la Germania passa il testimone al Portogallo

Elezioni portoghesi: i socialisti sfiorano la maggioranza assoluta

Sudafrica, l'Anc non ottiene la maggioranza per la prima volta dalla fine dell'apartheid