ULTIM'ORA

Grecia: migranti appiccano il fuoco al campo di Lesbo, ci sono vittime

Grecia: migranti appiccano il fuoco al campo di Lesbo, ci sono vittime
Dimensioni di testo Aa Aa

Dovrebbe accoglierne 3.000, in realtà ne contiene circa il quadruplo: al campo profughi di Lesbo in Grecia la situazione è fuori controllo: alcuni migranti, che protestavano per l'affollamento del sito, hanno appiccato il fuoco in diversi punti della struttura.

Secondo l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, nell'incendio sarebbero morte almeno due persone: un bambino ed una donna, il cui corpo è stato ritrovato carbonizzato.

La notizia, confermata da fonti governative, non ha successivamente trovato riscontro nel Ministero della Sanità, che non ha confermato il bambino morto.

Si sono registrati scontri anche tra i rifugiati, soprattutto afghani, e le forze dell'ordine: i migranti chiedevano di essere trasferiti sulla terraferma. Il campo di Lesbo è da anni sotto la pressione di un'ondata migratoria, che la Grecia fatica a gestire.

"La situazione è tesa", ha detto il sindaco di Lesbo, Stratis Kytelis, che da tempo denuncia il problema di un'accoglienza lasciata alle esclusive forze del governo ellenico.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.