Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Vuelta, tappa 10: Roglič cronoman in "rosso"

Roglic indossa la "Roja".
Roglic indossa la "Roja".
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Altro che la Vuelta a España: sembra il Giro di Slovenia (per la cronaca, vinto quest'anno da Diego Ulissi)!

Sono, infatti, i ciclisti sloveni a farla da padroni, almeno in queste tappe della Vuelta 2019: dopo il successo ad Andorra del 20enne Tadej Pogačar, nella 10.tappa a dominare è stato il connazionale Primož Roglič (Jumbo-Visma), vincitore della cronometro Jurançon-Pau (36,5 km in territorio francese).

Staccato di appena 6 secondi da Nairo Quintana, Roglič (compirà 30 anni a ottobre) ha rifilato al colombiano oltre tre minuti (3'06") nella crono, imponendosi davanti al neozelandese Patrick Bevin (a 25") e al francese Rémi Cavagna (a 27") e conquistando la Maglia Rossa.

Buona la prova di Tadej Pogačar, giunto 11esimo, che cede al connazionale solo 1'29" e resta quinto nella classifica generale, ad appena 5 secondi da Quintana.
Al colombiano non ha portato bene l'annuncio del passaggio al team francese Arkéa-Samsic, per le prossime tre stagioni. Ora Quintana è addirittura fuori dal podio.
Seconda piazza per Alejandro Valverde a 1'52" e terzo posto per Miguel Ángel López a 2'11". Quintana è quarto a 3'00".

Nella cronometro, crollo degli italiani. Il primo è Manuele Boaro, addirittura 55esimo, a 4'38" da Roglič.
Il migliore degli italiani è sempre Gianluca Brambilla, ora 30esimo in classifica generale, a 32'13".

Più indietro, Fabio Aru, 41esimo, a 41'58".

Mercoledi si corre l'11.tappa, di nuovo in Spagna, da Saint-Palais a Urdax-Dantxarinea, 180 km per velocisti.
Per attaccare - chi potrà farlo - Roglič (quest'anno già vincitore della Tirreno-Adriatico e del Giro di Romandia, terzo al Giro d'Italia) bisognerà attendere venerdi l'arrivo in salita a Los Machucos.

LEGGI ANCHE: tutte le info sul sito ufficiale della Vuelta2019.

Le "vecchie glorie"

La Vuelta non dimentica le "vecchie glorie" che hanno fatto la storia della corsa spagnola: ecco il tributo a Pedro Delgado, Miguel Indurain e Oscar Pereiro.