Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Bruxelles celebra la liberazione dall'occupazione tedesca

Bruxelles celebra la liberazione dall'occupazione tedesca
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

La città di Bruxelles ha celbrato il 75 ° anniversario della sua liberazione dall'occupazione tedesca.

In mostra veicoli militari storici che hanno attraversato il Belgio lungo lo stesso percorso del 1944.

I carri armati alleati arrivarono a Bruxelles la sera del 3 settembre 1944 dopo aver attraversato il confine franco-belga appena 24 ore prima.

La città ricopriva un'importanza strategica, ma era sulla strada principale verso il porto di Anversa.

Eppure Bruxelles è stata un simbolo- e la sua liberazione un'enorme vittoria anche psicologica:

"Il governo belga aveva addestrato una brigata di fanteria belga in Inghilterra, che ha partecipato alla liberazione di Bruxelles. Il giorno dopo l'arrivo a Bruxelles, c'è stata una grande parata per la vittoria, ed è stato davvero importante per i civili belgi vedere che i loro concittadini contribuivano allo sforzo bellico alleato e persino nel liberare il proprio paese " racconta Wannes Devos del War Heritage Institute.

La liberazione di Bruxelles è durata solo poche ore e ha visto pochi combattimenti, i tedeschi erano già in fuga.

"Dopo la seconda guerra mondiale, penso che fosse davvero importante vedere che la vita andava avanti, che si poteva ricominciare a vivere, quindi furono instaurati nuovi rapporti con il popolo tedesco. All'inizio, erano ancora visti come nemici, ma dopo una grande de-nazificazione in Germania, credo, la maggior parte del popolo belga fosse abbastanza soddisfatto del risultato " spiega Devos.

Bruxelles ha vissuto quattro anni sotto l'occupazione tedesca.

Per molti bambini i carri armati incendiati sulle strade sono diventati un parco gioco.

Da affrontare restava ancora un freddo inverno e la battaglia delle Ardenne.