Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Unione Europea: al via le nomine per i nuovi commissari Ue

Unione Europea: al via le nomine per i nuovi commissari Ue
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo 60 anni, la Commissione europea vedrà una donna alla guida dell'organo esecutivo dell'Unione per la prima volta. Ursula von der Leyen ha lavorato duramente quest'estate per ottenere i migliori candidati per la sua squadra di commissari dagli Stati membri. Il principale obiettivo è ottenere la parità di genere.

Von der Leyen intende avere almeno tredici donne (compresa se stessa), il che significa quattro in più rispetto all'attuale Commissione Juncker.

La nuova presidente della Commissione ha chiesto a tutti gli stati di indicare due nomi, un uomo e una donna, entro il 26 agosto. Solo due Paesi hanno seguito questo metodo: Romania e Portogallo.

Alcuni Paesi hanno deciso di nominarare direttamente una donna e alcune già nella squadra di Juncker si stanno preparando a un secondo mandato.

In totale tre donne e cinque uomini della Commissione attuale lavoreranno per Ursula von der Leyen tra questi anche alcuni spitzenkandidaten potrebbero diventare vice-presidenti, come l'olandese Frans Timmermans e la danese Margrethe Vestager.

La corrispondente di Euronews da Bruxelles Isabel Marques da Silva ha intervistato Daniel Gros, Direttore del think tank Centre for European Policy studies:

"È sempre bene avere alcune persone già esperte e 8 non è nemmeno un terzo del totale, quindi questo non dovrebbe essere un problema. Inoltre questi 8 sono stati piuttosto passivi nella commissione precedente, e quindi non penso che avranno un ruolo dominante ora ".

La Presidente eletta avrà un delicato compito per quanto riguarda la distribuzione degli incarichi, in particolare quelli importanti come agricoltura, digitale, affari economici e finanziari, commercio, sviluppo regionale, che hanno un grande impatto politico e finanziario.

Ma la decisione finale dipende anche da come i commissari si presenteranno durante le audizioni al Parlamento Europeo che avranno luogo nella seconda metà di settembre.

Per il direttore CEPS, è anche importante che Ursula VDL cambi la rotta della gestione di Juncker:

"La Commissione Juncker è stata completamente centralizzata, i singoli commissari non contavano davvero nulla, ma ciò ha portato anche molto a un'organizzazione troppo verticale e ha perso parte della sua dinamicità interna. Ursula VDL potrebbe fare un cambiamento; lei potrebbe dire "Permetterò ulteriori discussioni in sede di commissione; Lascerò più spazio ai singoli commissari per le proprie iniziative ".

Altri incarichi importanti che riguardano l'immigrazione e il cambiamento climatico restano controversi perché hanno portato a forti divisioni tra gli Stati membri sulle politiche da adottare.

Alcuni paesi hanno lasciato la divulgazione del nome del loro candidato all'ultimo minuto. Il Belgio ha comunicato il nome di Didier Reynders durante il fine settimana e i nomi italiano e francese non sono ancora noti.

Dopo la prima audizione a metà settembre, Ursula Von der Leyen avrà un mese per presentare la lista finale di nomi al Parlamento Europeo.

Un voto finale si svolgerà entro la fine di ottobre, in modo che la nuova Commissione europea entri in carica il 1 ° novembre .