Elezioni anticipate in Kosovo. Ecco cosa è successo

Elezioni anticipate in Kosovo. Ecco cosa è successo
Diritti d'autore REUTERS/Laura Hasani
Di Cecilia Cacciotto
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Le dimissioni del premier Haradinaj, il mese scorso, hanno frantumato la maggioranza e non è stato possibile ricomporne una nuova. Conusultazioni entro 45 giorni

PUBBLICITÀ

Elezioni anticipate in Kosovo, dove, questo giovedì 22 luglio,  è stato sciolto il parlamento in seguito alle dimissioni del premier Ramush Haradinaj.

Le dimissioni, in realtà, sono del mese scorso ma nel frattempo non è stato possibile ricostituire una maggioranza.

Le consultazioni si terranno entro 45 giorni, arrivano in un momento delicato della vita del Paese.

A metà strada tra passato e futuro, il Kosovo vuole cerca la sua terza via.

Ardian Airfaj, consigliere del presidente Hashim Thaci ha dichiarato a euronews che non c'è tempo da perdere. Ci vuole un nuovo esecutivo quanto prima: 

"È molto importante che ci sia un governo subito dopo le elezioni nel più breve tempo possibile e che non ci vogliano mesi per la sua formazione. Infatti, ci sono processi importanti su cui avanziamo come l'accordo con la Serbia che dovrebbe portare al reciproco riconoscimento e a un seggio alle Nazioni unite".

Le aspirazioni europeiste di Pristina fanno da traino a un cambaimento che deve cominciare da lontano.

Il presidente del parlamento, nonché leader del Partito democratico del Kosovo, Kadri Veseli sull'ingresso del Kosovo nell'Unione europea non ha dubbi:

"La nostra priorità resta aderire all'Unione europea e intrattenere relazioni speciali con gli Stati Uniti, siamo un Paese occidentale e lavoreremo duramente per trasformare la nostra economia combattendo la corruzione".

Ex comandante della guerriglia kosovara nel conflitto del 1998-99 contro le forze serbe Ramush Haradinaj, 51 anni, si è dimesso perché indagato da un tribunale internazionale per sospetti crimini di guerra.

Ritenuto un eroe dai suoi concittadini,  il 24 luglio si è presentato  per la prima volta davanti al tribunale istituito a L'Aja nel 2015.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Kosovo: fumata nera in parlamento, nessun accordo di governo

Kosovo: la gay pride parade a Pristina

Kosovo al voto, verso una svolta politica nel Sud est europeo