Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Tirana: cala il sipario sul Teatro Nazionale?

Le poltrone rosse del Teatro Nazionale Albanese di Tirana.
Le poltrone rosse del Teatro Nazionale Albanese di Tirana.
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

TIRANA (ALBANIA) - Salviamo il Teatro Nazionale Albanese di Tirana.

Lo gridano le persone che lo stanno occupando - dicono - con l'obiettivo di salvarlo.

Stanno combattendo una battaglia contro il governo, che ha accettato un'offerta per abbattere il teatro, costruito nel 1939, e ricostruirne uno nuovo, insieme a palazzi di proprietà di investitori privati.

“Non ci sono state consultazioni pubbliche, nessuno vuole sapere cosa ne pensano artisti e cittadini. E così questa è diventata una lotta per proteggere e preservare la democrazia in questo paese e per dire stop all'alleanza tra imprese private e politici corrotti".
Kastriot Çipi
Regista teatrale
il regista teatrale albanese Kastriot Çipi.

Una campagna in difesa del teatro

L'occupazione del teatro è iniziata a luglio, poi le autorità hanno cominciato a rimuovere gli interni, provocando piccole e grandi scaramucce, anche con la polizia.

Gli attori volontari hanno organizzato tre spettacoli a settimana per raccogliere fondi per la campagna in difesa del teatro.
È stata creata un'associazione: Alliance for the National Theatre of Albania.

"Stiamo rispondendo alla loro violenza con la nostra arte e questo è il messaggio più importante che il teatro può dare alla politica".
Taulanda Jupi
Docente Università di Tirana

Le autorità affermano che il teatro è ormai obsoleto: troppo caldo in estate e troppo freddo in inverno. Favorevole alla costruzione di un teatro è solo quella piccola parte della comunità artistica in Albania che riceve finanziamenti dal governo.

"Proteggere la storia"

L'inviato di Euronews a Tirana, Jack Parrow.

"Le persone che occupano il teatro affermano che non si tratta solo di salvaguardare l'edificio del teatro nazionale, ma anche di proteggere la sua storia. Questo è stato il primo luogo in cui hanno avuto luogo i processi comunisti, dopo che l'Albania è stata liberata dal regime nazista nel 1945", spiega Jack Parrock, inviato di Euronews a Tirana.

Accuse di affari "privati" al Primo Ministro

Chi protesta accusano il Primo Ministro albanese Edi Rama di aver assegnato il progetto di ricostruzione senza procedure trasparenti.
E un altro terreno pubblico saré dato in concessione a una società privata di costruzioni privata per costruire nuovi complessi residenziali a Tirana.

Il Primo Ministro Edi Rama ha ribadito che le critiche sono infondate e che l'intero processo di riqualificazione sta seguendo le normative previste dagli accordi dell'Albania con l'UE.

"E' stato tutto rivisto dalla Commissione Europea ed è stato autorizzato a condizione che ci sia una gara d'appalto... la gara è stata avviata, quindi...
Il resto sono solo chiacchiere".
Edi Rama
Primo Ministro Albania
Il Primo Ministro albanese Edi Rama intervistato da Euronews.

La storia potrebbe davvero non avere un lieto fine.
Sul Teatro Nazionale di Tirana rischia di calare il sipario.