Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Ungheria: protesta "social" degli insegnanti sottopagati

Ungheria: protesta "social" degli insegnanti sottopagati
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

BUDAPEST (UNGHERIA) - Protesta "social" degli Insegnanti ungheresi sottopagati.

Sui social media (in particolare Instagram), i giovani maestri e professori d'Ungheria (dalle scuole materne alle superiori) mostrano il loro stipendio, la loro istruzione e gli anni trascorsi nelle scuole.

Un'insegnante ungherese mostra il suo stipendio, gli anni di studio e gli anni di lavoro in un post su Instagram.

Gli insegnanti guadagnano circa 500 euro al mese, meno di un operaio. La rivolta "social" prova ad accendere i riflettori sul loro magro reddito.

Il leader del sindacato dei giovani insegnanti, Balasz Dvoracsko, guadagna lui stesso appena il salario minimo nazionale

"L'affitto e le spese generali si portano via metà del mio stipendio...
È difficile immaginare come potrei fondare una famiglia e crescere dei bambini tra qualche anno".
Balazs Dvoracsko
Organizzazione giovanile dell'Unione degli insegnanti ungheresi
Balasz Dvoracsko intervistato da Euronews.

Un sistema di aumento degli stipendi: un'idea, poi abbandonata

Nel 2013 il governo di Viktor Orbán e del partito Fidesz aveva pensato ad un sistema di aumento degli stipendi nell'istruzione pubblica in seguito dell'aggiornamento del salario minimo. Nonostante l'apprezzamento del settore scolastisco, l'idea fu abbandonata un anno dopo.

"L'importo del salario dell'insegnante non è collegato al salario minimo dal 2015. Ciò significa che al giorno d'oggi il salario mensile di un insegnante è compreso tra 100.000 e 150.000 fiorini ungheresi in meno di quanto dovrebbe essere".
Tamas Totyik
Vice-Presidente Unione ungherese degli Insegnanti
Tamás Totyik, Vice-Presidente dell'Unione ungherese degli Insegnanti.

Un divario senza precedenti tra stipendi privati e stipendi "scolastici"

Il divario tra il salario medio pagato nel settore privato e il salario medio di un insegnante è il più ampio in Ungheria rispetto a qualsiasi altro stato membro dell'Unione Europea. E con salari non competitivi arriva un altro problema. Nessuno vuole fare più l'insegnante.

L'asilo "Ramo Verde" di Budapest. Anche i maestri d'asilo protestano per avere un aumento di salario.

"Gli insegnanti si ridurranno di più della metà"

Spiega Daniel Bozsik, corrispondente di Euronews da Budapest:

"A causa dei bassi salari, sempre meno persone vogliono diventare insegnante. Meno di 3.000 insegnanti neolaureati iniziano a lavorare ogni anno, mentre in 5.000 vanno in pensione. Con questa tendenza gli attuali 150.000 insegnanti potrebbero ridursi, nei prossimi 25 anni, a meno della metà".

Il giornalista di Euronews Daniel Bozsik.