EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

A$AP Rocky è tornato negli Usa, in attesa della sentenza

A$AP Rocky è tornato negli Usa, in attesa della sentenza
Diritti d'autore 
Di Cinzia Rizzi
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Anche Donald Trump ha festeggiato la liberazione del rapper americano, processato in Svezia per rissa. Rischia fino a 6 mesi di reclusione

PUBBLICITÀ

A$AP Rocky è libero ed è tornato negli Stati Uniti. Il rapper americano, arrestato lo scorso 3 luglio insieme ad altre due persone in seguito a una rissa a Stoccolma, è stato processato in Svezia e attende ora la sentenza, che sarà emessa il 14 agosto. La procura ha chiesto 6 mesi di reclusione.

Un caso diplomatico

A festeggiare per la liberazione non è stato solo il rapper, però. 

"Torna a casa presto A$AP!" ha scritto su Twitter il presidente statunitense Donald Trump, utilizzando un gioco di parole (ASAP è l'acronimo di "As soon as possible" e vuol dire infatti "il prima possibile"). L'inquilino della Casa Bianca è un grande sostenitore del compatriota sin dagli inizi della vicenda, tanto da aver attaccato sui social il premier svedese Stefan Loefven, nei giorni scorsi.

Il video che incrimina A$AP Rocky

Secondo la ricostruzione dell’accusa, A$AP Rocky e due uomini del suo entourage avrebbero "deliberatamente e di comune accordo" attaccato con calci e pugni un 19enne per strada. Una rissa documentata da un video amatoriale. Il rapper sostiene di aver agito per autodifesa.

Il video amatoriale che documenta l'aggressione
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il rapper A$AP Rocky condannato in Svezia per aggressione

Svezia, sparatoria nei pressi dell'ambasciata di Israele: diversi arresti

Il dilemma dell'Ue: dalla dipendenza dai combustibili fossili a quella dai metalli