Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

L'Iran sequestra due petroliere, una britannica e una liberiana

L'Iran sequestra due petroliere, una britannica e una liberiana
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

I Guardiani della Rivoluzione iraniana hanno annunciato di aver sequestrato una petroliera britannica nello Stretto di Hormuz. Dopo pochi minuti è uscita la notizia che anche una petroliera battente bandiera liberiana è stata sequestrata. Sempre più tesa la situazione, sulle relazioni con l'Iran poco dopo il sequestro, c'è stata una telefonata tra il presidente francese Emmanuel Macron e Donald Trump.

La nave britannica è la Stena Impero, una mezzo da 30mila tonnellate di stazza con a bordo 23 uomini che era diretta in Arabia Saudita.

Secondo fonti iraniane la petroliera "non ha rispettato il codice internazionale". Le stesse fonti hanno spiegato che il sequestro è stato eseguito "su richiesta dell'autorità portuale e marittima della provincia di Hormozgan".

Anche Londra ha confermato la notizia spiegando di non essere in grado di entrare in contatto con l'equipaggio da quando la nave ha improvvisamente lasciato le acque internazionali. Dai tracciati radar la petroliera ora sembra essere diretta verso l'isola iraniana di Qeshm.

Londra convoca il comitato Cobra

Il ministro degli esteri britannico Jeremy Hunt ha definito inaccettabile, la provocazione. Si tratta di azioni "estremamente preoccupanti", ha aggiunto. In serata a Londra si è svolta sull'accaduto anche una riunione del comitato Cobra che entra in azione in caso di massima emergenza.

L'azione iraniana rischia di far salire ancora di più la tensione tra Washington e Teheran. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha detto di non essere preoccupato "per un potenziale conflitto con l'Iran" ma ha anche aggiunto di sperare che gli iraniani non facciano "nulla di stupido, altrimenti" ha concluso Trump "pagheranno un prezzo che nessun altro ha mai pagato". Dopo il sequestro delle petroliere Trump ha detto che gli Stati Uniti "lavoreranno insieme a Londra".