Uk: sarà duello tra Johnson e Hunt per la successione alla May

Uk: sarà duello tra Johnson e Hunt per la successione alla May
Diritti d'autore
REUTERS/Henry Nicholls
Dimensioni di testo Aa Aa

Che Boris Johnson sopravvivesse all'ultimo round per la scelta del sostituto di Theresa May a Downing Street e alla testa del partito tory, era quasi scontato. E' stato piuttosto il nome del suo rivale a costituire una specie di rebus. Ma alla fine le riserve si sono sciolte.

313 voti totali, schede respinte una, Michael Gove ottiene 75 voti. Jeremy Hunt e Boris Johnson rispettivamente 77 e 160. Saranno loro dunque a sfidarsi per ottenere il consenso degli elettori conservatori.

Il favorito, con un buon margine di voti in piu', resta lui, il piu' feroce tra i fautori della Brexit, che ha già messo in chiaro che il Regno Unito lascerà l'Unione il 31 ottobre con o senza un accordo.

Dal giorno del referendum, l'ex giornalista, nonchè ex sindaco di Londra e ministro degli Esteri, è stato una delle figure più esposte e controverse. Johnson ha sempre ottenuto il consenso della maggiornaza dei parlamentari conservatori, ma per la vittoria definitiva dovrà ottenere adesso il voto dei 160.000 iscritti che rappresentano la base del partito.

Il suo rivale, Jeremy Hunt, attuale ministro degli Esteri, ha da sempre assunto posizioni piu' moderate, e si è detto favorevole a un accordo per la Brexit. Ammesso che sia davvero, come sostiene, in grado di raggiungerlo. Ma Bruxelles è stata chiara. Non si apriranno nuove trattative. Punto debole, nel 2015 voto' per restare in Europa.

L'esclusione di Michael Gove, considerato il miglior candidato per battere Johnson, è stata la vera sorpresa del voto. Battuto per sole due schede di differenza. Arrivato a un passo dalla vittoria, è stato sconfitto per soli due voti di differenza.