Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Ambiente: ancora una giornata di sciopero mondiale per il clima

Ambiente: ancora una giornata di sciopero mondiale per il clima
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Prima era argomento d'élite, adesso la tutela dell'ambiente muove un esercito di giovani grazie al tam tam social, che porta la firma dei 'Friday for Future'. Lo scorso 15 marzo erano stati circa 2 milioni gli studenti scesi in piazza per protestare contro l’immobilismo delle istituzioni sul tema del riscaldamento globale. Oggi, partendo dall'Australia e dalla Nuova Zelanda, l'onda verde ha rinnovato la sua sfida. "Penso davvero che dobbiamo agire diversamente e - dice una giovane neozelandese - sono molto preoccupata per la strada imboccata. Dobbiamo agire per il cambiamento, per questo che sono qui, voglio davvero fare qualcosa".

Corteo in Svezia, la patria di Greta.

In Svezia gli agit-prop dell'ambiente hanno sfilato per le vie di Stoccolma, dove l'attivista più famosa al mondo, Greta Thunberg, ha inaugurato la nuova giornata di sciopero mondiale e ha rilanciato il suo appello ad agire e a farlo in fretta. Secondo Greta Thunberg, "la passività delle vecchie generazioni sulla crisi climatica sarà considerata in futuro, con ogni prrobabilità, il peggior tradimento nei confronti di tutti".

L'onda verde nelle principali città europee.

Nel villaggio globale, in fermento per l'ambiente, non sono mancate le azioni simboliche, come quella andata in scena a Cannes. Nella città del Festival, una piccola folla di adolescenti ha bloccato il traffico e manifestato a pochi metri dal red carpet. In Germania, circa 10.000 persone hanno marciato sino alla porta di Brandeburgo, ma la protesta si è estesa ad altre città tedesche: Colonia, Amburgo, Lipsia e Dortmund. Anche in Italia, per la seconda volta in tre mesi, gli studenti si sono uniti alle manifestazioni internazionali dei Friday for Future: a Milano e Roma i cortei più partecipati. Dopo lo sciopero globale del 15 marzo e l'evento romano del 19 aprile, quando Greta Thunberg è arrivata per una visita nella Capitale, gli attivisti italiani hanno dunque animato anche il secondo evento mondiale per sollecitare azioni di contrasto ai cambiamenti climatici.

Adesione particolarmente alta a Milano, dove - pochi giorni fa - il Comune ha dichiarato l'emergenza-clima e si è impegnato, entro 6 mesi, ad avviare una serie di misure per combattere i cambiamenti climatici, con la consulenza degli studenti del "Friday for Future".