Lombardia, indagato anche il presidente Attilio Fontana

Lombardia, indagato anche il presidente Attilio Fontana
Dimensioni di testo Aa Aa

Il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana è indagato per abuso d'ufficio nella maxi inchiesta della Dda di Milano che ha portato a 43 misure cautelari. La contestazione riguarda l'attribuzione di un incarico regionale a Luca Marsico, suo ex socio in uno studio legale.

Secondo l'accusa Fontana, che è stato convocato per il prossimo lunedì 13 maggio, avrebbe violato il principio di imparzialità perché quel posto non era di nomina fiduciaria ma si trattava di un incarico passato per un avviso pubblico a cui avevano partecipato 60 persone.

Le accuse a carico del presidente della Lombardia, illustrate dal procuratore di Milano Francesco Greco, si collocano nel quadro di una inchiesta che ha coinvolto, insieme a esponenti di cosche di ndrangheta lombarda, anche i vertici locali di Forza Italia, dal consigliere comunale e candidato alle europee Pietro Tatarella, al sottosegretario regionale Fabio Altitonante, fino al parlamentare Guido Sozzani, per il quale è stata avanzata alla Camera la richiesta di autorizzazione all'arresto.