ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Italiano nei guai per Google traduttore

Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – BOLZANO, 8 MAG – “Io pago bene” oppure “Io pago
ben”? E’ il quesito del quale si sta occupando il tribunale di
Innsbruck, in Austria, dove un cittadino italiano è imputato di
tentata corruzione. Il curioso fatto viene raccontato dalla
Tiroler Tageszeitung. Il cuoco, residente in Alto Adige ma
originario del sud Italia, la scorsa estate è stato trovato in
stato di ebbrezza alla guida della sua macchina durante un
controllo in Tirolo. Non parlando né tedesco né inglese,
l’automobilista ha comunicato con i poliziotti austriaci
utilizzando Google traduttore sullo smartphone. Quando gli agenti gli hanno comunicato il ritiro della
patente e una multa di 900 euro, lui avrebbe risposto, scrivendo
sul telefonino “Io pago bene”, che è stato interpretato dai
poliziotti austriaci come un tentativo di corruzione. L’italiano
sostiene invece di aver scritto “Io pago ben”, ovvero la sua
disponibilità a pagare la multa. La giudice, prima di emettere
la sentenza, intende sentire come teste un’altra poliziotta.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.