ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Amministrative nel Regno Unito, gli elettori puniscono May e Corbyn

Amministrative nel Regno Unito, gli elettori puniscono May e Corbyn
Diritti d'autore
REUTERS/Susana Vera
Dimensioni di testo Aa Aa

I Conservatori di Theresa May sono i grandi sconfitti della tornata elettorale britannica per il rinnovo di circa 300 amministrazioni locali. I Tories pagano inevitabilmente la gestione della Brexit negli ultimi due anni. Ma neppure il partito labourista può sorridere.

"E' un momento difficile per il nostro partito e queste elezioni ne sono il sintomo - è stato il commento della premier - Abbiamo il privilegio di gestire il partito in un periodo cruciale e la responsabilità di raggiungere un traguardo storico. Ma penso che il messaggio arrivato dalle elezioni di ieri, sia a noi sia al Labour, sia semplice: andate avanti e realizzate la Brexit".

Bocciati anche i labouristi

A livello locale i Tories si avviano a perdere oltre un migliaio di seggi su 8mila totali e il controllo di 30 consigli comunali. In calo di almeno 100 seggi anche il Labour party di Jeremy Corbyn.

"C'è una serie di ragioni per questo risultato - ha dichiarato - in alcuni casi legato a fattori locali e per altri in disaccordo con entrambi i partiti per la gestione dei rapporti con l'Unione europea. Noi siamo l'unico partito che cerca di difendere i cittadini, comunque abbiano votato nel 2016, difendendo i posti di lavoro e lavorando sulle condizioni di impiego nel Paese. E' un impegno molto importante".

Corbyn guarda il lato positivo e si congratula per i comuni dove il Labour ha vinto

I britannici hanno cambiato idea sulla Brexit?

Veri vincitori di questa elezione sono i liberal-democratici antibrexit di Vince Cable, che guadagnano la maggioranza in 10 consigli, sottraendoli principalmente al partito del primo ministro. Per loro è il miglior risultato dal 2003. Fra le formazioni europeiste sono andati bene anche i Verdi, mentre l'Ukip è in calo.

I liberaldemocratici vogliono fermare la Brexit

Non c'è però da illudersi su un ipotetica svolta europeista dei britannici. L'esito ha piuttosto premiato le formazioni che hanno avuto una politica più decisa e coerente sulla Brexit.

Infatti l'ex fondatore dell'Ukip Nigel Farage e il suo Brexit Party non erano della partita, ma alle ormai inevitabili elezioni europee sono per ora il primo partito. I sondaggi li danno al 30%, in vantaggio di ben 9 punti sul Labour.

Il sondaggio YouGov del 29-30 aprile